In lettura
Invitro ti porta a casa il Teatro. La prima stagione teatrale 2021 tutta sul web.
Scuro Chiaro

Invitro ti porta a casa il Teatro. La prima stagione teatrale 2021 tutta sul web.

Invitro

Invitro” è una stagione teatrale on demand virtualmente in scena dal 14 aprile al 30 settembre 20212: sette spettacoli, realizzati appositamente da sette teatri cooperativi lombardi, disponibili on line e fruibili attraverso computer, smartphone e tablet.
Sulla piattaforma – www.invitro.coop gli utenti scelgono se acquistare gli accessi per una singola opera teatrale oppure l’intero abbonamento on line per la durata della stagione.

“Invitro” è un esperimento cooperativo al quale hanno aderito: Teatro dell’Elfo, Teatro del Buratto, MTM Manifatture Teatrali Milanesi, Teatro Menotti, Teatro della Cooperativa, Teatro Magro di Mantova e Industria Scenica di Vimodrone. 

Il progetto, sviluppato e coordinato da Coopservizi, è nato nell’ambito delle iniziative di innovazione digitale promosse da Fondazione Pico, Digital Innovation Hub di Legacoop, e nello specifico dal nodo territoriale di Pico Lombardia, con Legacoop Lombardia, in collaborazione con partner appartenenti al mondo cooperativo lombardo: Gnucoop, Hagam, Multimagine, Genera e Smart. 

“Siamo orgogliosi di aver costruito un ‘progetto speciale’ con i teatri cooperativi: un’occasione per mantenere saldi, pur in un momento tanto difficile, i rapporti con il proprio pubblico, guardando anche oltre i soliti confini e avvicinando nuovi possibili spettatori”.

Luca Conte, presidente Coopservizi

Invitro e il suo obiettivo sociale

Alla piattaforma Invitro è abbinata una campagna di raccolta fondi a favore dei lavoratori dello spettacolo (il 5% sugli incassi – vendita di spettacoli e abbonamenti, sponsorizzazioni).  

Gli spettacoli di Invitro

“Far finta di essere sani” di G. Gaber e S. Luporini Teatro Menotti

“Janis – Take Another Little Piece of My Heart” Teatro del Buratto 

“Nome di Battaglia Lia” Teatro della Cooperativa

“Cyrano sulla Luna” MTM Manifatture Teatrali Milanesi (spettacolo meraviglioso d cui vi abbiamo già parlato)

“Mary, una sarta per Shakespeare” Teatro dell’Elfo 

“SN|1604 – Corpo Celeste” Teatro Magro 

“WEBulli” Industria Scenica

I temi sociali e culturali trattati nella stagione teatrale Invitro

“Ogni teatro è stato lasciato libero di portare in scena uno spettacolo a sua scelta, senza un coordinamento artistico iniziale. Eppure, dopo aver visto tutti e 7 gli spettacoli, ci siamo accorti che esistono dei fili conduttori… dei temi trasversali, che attraversano e uniscono gli spettacoli tra loro, offrendo un percorso non solo artistico, ma anche culturale e sociale

Paola Leati, vice Presidente Coopservizi

Tra i temi trattati nella stagione teatrale on demand di Invitro abbiamo: bullismo/cyber bullismo (Janis, Cyrano, WEBulli), La scoperta dello Spazio (SN 1604 / Cyrano), il Teatro nel teatro (Janis, Mary, Cyrano), i Diritti delle donne (Janis, Mary, Lia), il Rock (Janis, SN 1604, WEBulli), la Musica live (Janis, Far finta), Filmati storici (Janis, SN 1604, Lia).

Invitro da voce agli attori che ci dicono…

I teatri sono chiusi da un anno, cerchiamo di lavorare, facciamo rete… stiamo cercando nuovi linguaggi, ci mancate… siamo bravissimi!”

Davide Del Grosso, Janis

“Penso che a casa ci siano tante persone che hanno voglia di ritornare a teatro e questo è un compromesso per farlo, un bellissimo modo, perché è stata fatta rete da sette teatri, che hanno creduto in questa cosa e hanno portato il loro lavoro, si sono adattati, si sono riscoperti, stanno provando nuove strade…”

Marta Mungo, Janis

È importante trovare nuovi modi, soprattutto per sostenere il teatro in questo momento di grande difficoltà, perché il teatro non apre da 12 mesi a questa parte,…, quindi se dovesse esserci qualche modalità nuova, anche per il teatro, che in qualche modo lo aiuti, lo sostenga, ben venga!” 

Pietro De Pascalis, Cyrano

“Perché ho dipinto personalmente questi mattoni, perché ci sono io,
e perché siamo tutti qui!”

Elia Grassi , SN 1604

“L’abbonamento a Invitro è molto importante per gli addetti ai lavori, per me e i tecnici che hanno lavorato alla messa in scena di Mary è un’occasione per rimettersi in gioco, riprendere a lavorare, tornare ad allenarsi. Per il pubblico è importante ricordarsi che il teatro esiste. Io amo il teatro dal vivo, ma è importante che si possa vedere anche su queste piattaforme, dove si vedono anche dei dettagli che magari dal vivo non si vedono

Elena Russo Arman, Mary

“Un abbonamento a Invitro potrebbe essere un modo per avere ancora un contatto con la cultura, con noi artisti, un modo per stare ancora insieme.”

Forse ti potrebbe piacere anche…
Marco Paolini Boomers Piccolo teatro strehler
Luca Pirozzi, Far finta

“Il Teatro alimenta l’anima, e dato che ci manca tanto ‘dal vivo’ questa è un’opportunità per potersi curare l’anima, perché tutti curano il corpo, ma al resto si pensa poco e invece è fondamentale”

Andrea Mirò, Far Finta

“In un momento in cui il teatro e tutta la cultura non sono fruibili nello loro ‘stato naturale’, questo quello che ora possiamo fare e cerchiamo di farlo con la stessa passione, se non addirittura di più, e quindi vale la pena nutrirsi di questa energia che noi cerchiamo di manifestare.”

Enrico Ballardini, Far finta

“Perché rappresenta una delle tante iniziative che fa di ‘Milano teatrale’ un’eccellenza. È una collaborazione dei teatri dal vivo… si cerca di dare un’opportunità a coloro che non hanno la possibilità di vedere gli spettacoli di mantenere un rapporto con l’amore per quest’arte magnifica

Renato Sarti, Lia

“Invitro rappresenta un modo per tenere accese le luci sui teatri e anche uno strumento per spingere chi prima non andava abitualmente a teatro a conoscerlo, a vivere lo schermo di casa in un modo diverso.”

Rossana Mola, Lia

“È un modo per vedere il teatro, anche per chi magari non è abituato normalmente a frequentare le sale teatrali… ed è un modo per noi lavoratori dello spettacolo per continuare a fare il nostro lavoro e tenerci in contatto con il nostro pubblico.”

Marta Marangoni, Lia

Perché è importante sostenere il teatro, questo sempre, ma soprattutto in questo momento. Perché è un progetto che è molto sfidante e per questo lo dobbiamo sostenere… e dobbiamo vedere tutti gli spettacoli che sono molto belli. Per mantenere viva la voglia di tornare a teatro.

Ermanno Nardi e Marzia Gallo, WEBulli

Il trailer di Invitro

I sostenitori di Invitro

E’stato possibile realizzare il progetto Invitro – teatro on demand anche grazie al sostegno di Coop Lombardia, Gruppo Unipol, Abitare, CAA, CLO, Fondazione Unipolis, UniAbita e al contributo di Coopfond.

Come seguire la stagione teatrale on demand di Invitro

Accesso singolo spettacolo – € 8,00
Abbonamento 7 spettacoli – € 30,00 

Per tutte le informazioni riguardanti il progetto Invitro – www.invitro.coopinfo@invitro.coop.

Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

© 2020 Dejavu. All Rights Reserved.

Torna a inizio pagina