In lettura
TU SEI LA BELLEZZA, ovvero l’incantevole fragilità del quotidiano

TU SEI LA BELLEZZA, ovvero l’incantevole fragilità del quotidiano

Tu sei la bellezza

TU SEI LA BELLEZZA – Prima Nazionale

Andrea, Leonard e il cane nero di Churchill sono i protagonisti di “Tu sei la bellezza”, spettacolo di Alberto Milazzo vincitore nel 2021 del Premio per la drammaturgia Carlo Annoni e prodotto da Manifatture Teatrali Milanesi.
Un testo fresco e dal ritmo incalzante che sovrappone con ironia, delicatezza e profondità più livelli narrativi: in scena, le tensioni di una quotidianità condivisa, la malattia mentale, il rapporto con la dimensione creativa, il metateatro e la ricerca continua di rinnovare la propria identità come singoli individui e come parte di una coppia.

“Tu sei la bellezza” di Alberto Milazzo.
Testo vincitore premio di drammaturgia Carlo Annoni 2021.
Regia Alberto Milazzo
Con Giuseppe Lanino e Alessandro Quattro
Scene Guido Buganza 
Costumi MSGM
Produzione Manifatture Teatrali Milanesi – MTM Teatro Litta

La trama di “Tu sei la bellezza”

Tu sei la bellezza
Andrea e Leonard i personaggi di “Tu sei la bellezza” – Photo Davide Maestri

Andrea e Leonard sono una coppia sposata da dieci anni che vive in una non meglio precisata città italiana durante il lockdown. Il primo è un drammaturgo di successo, il secondo è un libraio colto e irriverente. La sera di Capodanno i due dovrebbero festeggiare la prima del nuovo spettacolo di Andrea, ispirato a Leonard o, meglio, a Leonard e al loro terzo inquilino, il cane nero di Churchill, la sindrome bipolare di tipo 2 da cui è affetto, quella che non fa mai vivere i momenti euforici di “alta” ma solo periodi di lunga depressione.

La messinscena è solo lo spunto per aprire uno spaccato sulla vita di coppia e sulle loro personalità: le difficoltà esasperate dal lockdown, il narcisismo di Andrea, l’artista in cerca di continua approvazione per sé e il proprio lavoro, le fragilità di Leonard che costantemente si interroga sulla complessità molteplice della sua identità e sulla possibilità di essere amato e, infine, la dimensione del prendersi cura reciproco, di trovare la bellezza nell’altro da sé.

Il cast di “Tu sei la bellezza”

Giuseppe Lanino
Giuseppe Lanino interpreta Leonard.

Leonard è magistralmente interpretato da Giuseppe Lanino: è un personaggio carismatico, vivace e schietto, capace di mettere in luce tutte le contraddizioni di Andrea.  Leonard domina la scena con le sue battute, l’intelligenza lucida e tagliente, la paura malcelata e la sofferenza pronta a esplodere dopo un lungo mese in cui ha cercato di tenere a bada il suo cane nero, Churchill. Un personaggio che si muove tutto nella dimensione domestica e dell’interno, tanto psicologico quanto scenico. Leonard è protagonista nel salotto domestico, qui rappresentato con una scenografia di chiara ispirazione borghese, pieno di libri e tutto sui toni del grigio, e nello spazio narrativo dello spettacolo nello spettacolo, quello in scena sullo schermo del pc della prima rappresentazione pandemica, online.

Alessandro Quattro
Alessandro Quattro è Andrea.

A fargli da contrappeso è Andrea, portato in scena da Alessandro Quattro: intellettuale e goffo, bisognoso di continue rassicurazioni sul valore della propria Arte, ma, allo stesso tempo, consapevole di quanto potere la parola abbia e di quanto riesca ad affascinare con la sua abilità dialettica l’esterno con il quale continuamente si confronta, i critici, i colleghi e gli attori. Andrea è anche un marito premuroso, attento e innamorato di Leonard, che riesce a cogliere e scegliere nella sua interezza e bellezza.


La nostra recensione


Tu sei la bellezza è uno spettacolo ben congegnato evidentemente molto apprezzato dal pubblico coinvolto dalle battute spumeggianti.
Il testo di Alberto Milazzo ci restituisce uno spaccato contemporaneo in cui è davvero molto semplice potersi riconoscere: riesce a toccare con leggerezza ma senza mai risultare scontato e banale l’amore di coppia e la necessità continua di mettersi in discussione e crescere che una relazione richiede. Efficace la scelta di ricorrere a un aneddoto storico reale per introdurre il tema della depressione: Leonard legge continuamente  e interpreta sul balcone i discorsi di Winston Churchill, inglese come lui, come lui accompagnato da un cane nero invisibile, ma a cui è difficile sottrarsi, la depressione.

Alle parole di Andrea, nel secondo atto, viene affidato il compito di raccontare l’altro risvolto della copertina, l’impegno, le difficoltà e la dedizione di un uomo che è un caregiver per scelta, che ha consapevolmente deciso di fare spazio al cane nero anche nella sua vita. I due protagonisti sono figure piene di vita e personalità, pieni di interessi e divertenti nei battibecchi di coppia e nei loro equivoci, contemporanei nelle loro preoccupazioni.
Un ringraziamento anche alla scelta sapiente di Manifatture Teatrali Milanesi, che ha prodotto lo spettacolo e lo ha ospitato in prima nazionale nella piccola gemma del Teatro Litta, un luogo di inattesa bellezza.

Tu sei la bellezza
L’immagine scelta per la locandina “Annunciazione 2018” di Gonzalo Orquin, 90×70, olio su tela.

Info&Biglietti

MTM Teatro Litta – Prima Nazionale
dal 21/10/2022 al 06/11/2022
da martedì a sabato ore 20.30 – domenica 16.30
Per Info e prenotazioni biglietteria@mtmteatro.it – 02.86.45.45.45
https://www.mtmteatro.it

Torna a inizio pagina