In lettura
Da quando ho famiglia sono single – Le fatiche di un genitore di oggi. La nostra recensione

Da quando ho famiglia sono single – Le fatiche di un genitore di oggi. La nostra recensione

Da quando ho famiglia sono single al teatro della cooperativa

Da quando ho famiglia sono single” in scena al Teatro della Cooperativa.

Anche il Teatro della Cooperativa torna in pista con una serie di spettacoli, in questo ultimo scorcio, di una stagione rimasta ferma ai primi spettacoli di ottobre.

“Da quando ho famiglia sono single” è un monologo della durata di circa un’ora scritto a quattro mani da Claudio Batta che ne è anche l’interprete, e Riccardo Piferi che firma anche la regia.

Un po’ come Giulio Cavalli nello spettacolo Disperanza di cui vi abbiamo parlato qualche giorno fa, invitava a condividere l’ansia, questa sera Claudio Batta condivide i dubbi e le fatiche di essere genitore.

La trama di “Da quando ho famiglia sono single”

Lo spettacolo prende il via partendo dalla gioia e felicità di una famiglia, qui nello specifico di un uomo, di diventare padre!
Subito però si presentano tutte le fatiche, le ansie e le rinunce che questo nuovo ruolo di genitore comporta.

“Ho una moglie e due figli. Tre buoni motivi per cui bere.”

Si procede così dunque, bambini piccoli, come si dice, problemi piccoli.
Ed ecco il padre che cerca il modo migliore per dare delle regole, per farsi ubbidire, per ritrovare anche i suoi spazi domestici con la compagna.
Per poi passare ai genitori di fronte alla scuola, come genitori di ragazzi, ma anche come adulti insegnanti, di fronte a questa gioventù in rapido cambiamento.

Si giunge alla fase dell’adolescenza e qui il genitore è in totale disorientamento!
Dibattuto tra l’ansia dei figli troppo giovani che affrontano i pericoli del mondo e la preoccupazione dei figli invece incollati alla casa, che non se ne vanno.
La difficoltà di instaurare un dialogo, un discorso con questi giovani.
Le migliaia di consigli ed informazioni che provengono dai parenti, amici e il mondo esterno che lasciano il nostro povero padre più solo e spaesato che mai.

Tra i vari personaggi vi sono anche alcuni figli che hanno a che fare con questi genitori in ricerca, mostrandoci così anche un po’ lo sguardo di questa nuova generazione.

Il cast di “Da quando ho famiglia sono single”

Claudio Batta
Claudio Batta nel monologo “Da quando ho famiglia sono single”.

Claudio Batta: attore comico, ma non solo. Divenuto noto al grande pubblico con “l’enigmista Capocenere” di Zelig e il capo-cella Ciccio nella sit-com Belli Dentro. Con una carrellata di personaggi e momenti di vita di uomini che oggi, alle soglie ed anche un poco oltre i 50 anni, devono affrontare un cambio generazionale, di valori e principi, avvenuto troppo velocemente e che non sanno come affrontare.
Ironico, sarcastico, ma mai eccessivo o sopra le righe.

Biglietti e informazioni per “Da quando ho famiglia sono single

Teatro della Cooperativa
Via privata Hermada, 8
20162 Milano02.6420761

Biglietteria
Info, prenotazioni e ritiro biglietti
mar | ven 16.30 > 19.00
sab 18.00 > 19.30 (nei giorni di replica)
dom 18.00 > 19.30 (nei giorni di replica)
Lunedì chiusura
Orari spettacoli (salvo diverse indicazioni):
mar | dom 19:45 – gio 19:00 – lun riposo


La nostra recensione


Pro

Molto reale! Troppo spesso ti ritrovi , in mezzo alle risate, a pensare: E' successo anche a me!

Bello il ricordare che prima di essere genitori, tutti siamo stati figli. Alcune cose, seppure siano cambiati i tempi, sono rimaste uguali.

Se vuoi farti quattro risate con una vena di riflessione intelligente è lo spettacolo giusto.

Contro
Torna a inizio pagina