In lettura
Random: ci parla di “Nuvole”, il nuovo album, durante la premiere a Riccione

Random: ci parla di “Nuvole”, il nuovo album, durante la premiere a Riccione

RANDOM COVER NUVOLE

«Ho scelto il nome “Nuvole” perché ha due significati importanti: prima di tutto le nuvole tendono a prendere la forma che più ci piace; e poi le nuvole sono in un certo senso una “barriera superabile”, una specie di intralcio tra noi e il sole, proprio come accade tra gli obiettivi che vogliamo raggiungere e gli ostacoli che risiedono nelle nostre menti. La verità è che il sole è sempre lì, anche se a volte ci appare oscurato.»

Random

Random pubblica il 2 aprile il suo nuovo album, “Nuvole” (Visory Records – under exclusive license to Believe) in vinile, CD e su tutte le piattaforme digitali.
 
Le tracce sono state tutte scritte da Random, che si è avvalso della collaborazione di cinque artisti a cui è legato da una grande stima reciproca personale e da una forte affinità artistica: Gio Evan in “Sole Quando Piove”, Guè Pequeno in “Vacci Piano”, Carl Brave e Samurai Jay in “Cielo Nero” e Etnico in “Vogliono Essere”. Il disco si apre con Torno a Te”, il brano che ha presentato al 71° Festival di Sanremo.

Random
Random presenta “Nuvole” il suo nuovo album.

Random ci parla di lui e del nuovo album “Nuvole” durante la Premiere a Riccione del 30 marzo 2021

Ci parla dalle “scale di Riccione” dove è cresciuto, punto di ritrovo con gli amici dove faceva free style: “Devo tutto a Riccione e a questo posto. Ho coltivato qui la mia musica qui”.

Io, dice Random, che dopo il Festival aveva dichiarato di preparasi alla “gara della vita“, dalla mia “nuvola” ho capito che c’è tanta strada da fare e che devo godermi questo viaggio bellissimo e adesso che ci sono non posso lamentarmi neanche per un secondo. Questa è la mia nuvola!

La band con cui sale sul palco per questa premiere è presa dal territorio, giovani musicisti che si spera diventino musicisti professionisti; questo è stato voluto da random per incentivare a seguire i propri sogni.

Nel tuo album sproni a superare le paure e i limiti, qual’è la tua paura?
Il non essere abbastanza e non soddisfare le aspettative delle persone che credono davvero in me.

Raccontaci il tuo album.
E’ un album straordinario, i feat sono tutti scritti con amici e fratelli non a tavolino per beccare il trend che va adesso.
E’ un album particolare ed è arrivato dopo la scelta di 80 canzoni. Un disco pieno d’amore per tutto, per la vita, per il lavoro, per gli amici. Pieno di sonorità diverse è un viaggio nelle emozioni di un diciannovenne. Un disco che quando lo ascolti, deve filare liscio.

Il pezzo a cui sei più legato?
“Il sole quando piove” perché parla anche a me e mi aiuta a rialzarmi. 

La tua primissima canzone?
Pezzo rap molto cattivo, ero incazzato con la vita perché non trovavo il mio spazio nel mondo; ma poi ho trasformato la rabbia in un punto di forza.

Quando hai capito che la musica sarebbe potuta essere un lavoro?
Quando andavo in giro e non essendo nessuno mi chiedevano foto, freestyle…

Cosa ti ha spinto a scrivere e cantare?
Non c’e un motivo preciso, mi piace. I miei sono pastori di una chiesa evangelica e li ho iniziato a suonare e cantare. La musica la uso come valvola di sfogo per me e per gli altri.

Come è cambiata la tua vita da quando sei Random?
Completamente. Non è stato facile perché  è successo veloce, da un giorno all’altro uno “schiaffo di fama”, ma io faccio finta sia tutto normale. Bisogna cercare di rimanere con i piedi per terra e la testa tra le nuvole come mi hanno sempre detto i miei genitori.

Torna a inizio pagina