In lettura
DANI WHITE: “La musica è condivisione di emozioni”. Il nuovo singolo “Chimera”. Intervista esclusiva.

DANI WHITE: “La musica è condivisione di emozioni”. Il nuovo singolo “Chimera”. Intervista esclusiva.

Dani White

Non sono i giudizi della gente su chi sei, cosa fai e come lo fai a determinare la tua persona ed il tuo valore.

Dani White

“CHIMERA” è il nuovo singolo di DANI WHITE.
E’un brano che nasce dal dolore che si vive ogni giorno, come un vuoto che pervade lo stomaco e rende incapace di agire nei momenti in cui serve davvero.

Conosciamo meglio Dani White

Manuel Danieli in arte “Dani White” è cresciuto nella periferia di Milano. 
Circa 15 anni fa comincia il suo percorso artistico approcciandosi a sonorità  tipiche  del  genere  rap HipHop.
Grazie alla collaborazione con un amico inizia a pubblicare i primi singoli su YouTube delineando il proprio stile canoro. Intraprende una breve esperienza a “Sanremo Band (ed. 2015)” con la sua band, e viene accettato come concorrente a “The Voice Of Italy (ed. 2016)”, strada che non ha poi percorso.

Dani White
Dani White, cantautore.

Alcuni dissapori con il produttore lo portano ad abbandonare le case discografiche e avviare una produzione indipendente avvalendosi ancora oggi della collaborazione di The Ross.
Partecipa poi a “Sanremo Giovani (ed. 2019)” arrivando tra i 100 finalisti. Nella sua attività di cantante nella zona di Milano e Como ha, inoltre, avuto l’opportunità di aprire concerti di artisti molto noti nella scena Rap italiana (tra cui Fedez, Danti, Vacca, Tedua e molti altri), e maturare il suo sound che adesso è contraddistinto da un mix tra Punk HipHop e Urban. Artista molto attivo sui social network, sul suo canale YouTube pubblica  in ottobre 2021 una cover di The Kid Laroi feat. Justin Bieber “Stay”  che raggiunge le 156.000 visualizzazioni. 

Quattro chiacchiere con Dani White

Vorrei partire dalla scelta della copertina del singolo che trovo molto intrigante.
La copertina rappresenta un po’ tutto quello che è il senso della canzone, del video. Il brano è diviso in due parti, la prima più intima e emozionante e la seconda più aggressiva e ritmata.
Ho tenuto a mettere nella cover uno specchio in cui mi rifletto con al collo dei serpenti.
Lo specchio rappresenta il momento in cui nella mia carriera ho voluto fermarmi per guardarmi dentro e capire cosa volevo veramente fare.
Da li sono arrivato al punto di decidere che avrei preferito lavorare senza persone esterne dandomi al 100% per il mio progetto artistico.
I serpenti rappresentano gli ostacoli che ho vissuto, le delusioni e le paure.

Tu nel tuo brano parli di dolore e di come uscirne. Ma quindi da cosa deriva la scelta del titolo del brano? La “Chimera” di che cosa?
La chimera è un essere mitologico che rappresenta una serie di cose. Io ho voluto associare la chimera con tutti i suoi elementi a tutti gli ostacoli e le paure che si sono presentati nel mio percorso artistico e anche le paure in cui possono imbattersi le persone comuni ogni giorno. Una condivisione delle mie esperienze con il mio pubblico dato che ci tengo tanto arrivare, con ogni mio brano, allo stomaco delle persone.

Tu sei cresciuto nella periferia milanese. Quanto questa cosa ti ha fatto crescere e vedere la vita da un altro punto di vista per poi portarlo in musica?
Di esperienze ne ho avuto moltissime sia nell’ambito musicale che di vita. Io ho vissuto in Brianza e mi hanno segnato certi fatti facendomi crescere. Io credo che dalle esperienze, anche quelle negative, dai propri errori si possa crescere e soprattuto evolversi.
Storie d’amore andate male, porte chiuse in faccia nell’ambito musicale… mi hanno fatto crescere fino ad arrivare a un punto dove ho maturato una consapevolezza e una sensibilità che mi permettono di capire chi ho davanti.

Cover Chimera di Dani White
La cover di “Chimera” di Dani White.

Hai realizzato anche il video clip di “Chimera”e ci sono un po’ di colpi di scena…
Come dicevo la canzone è divisa in due parti e non segue gli standard di una canzone classica. La prima parte si svolge quindi in un posto che da senso di celestialità e serenità (ecco anche il motivo della scelta della sala circolare). Nel proseguire si presentano ostacoli della vita che vengono rappresentati con doppi volti, un cuore vero per esorcizzare le cose negative che mi accadono.

Tu hai avuto l’occasione di essere un concorrente di “The Voice of Italy” ma hai rinunciato. Perchè?
Avevo firmato un contratto discografico con un produttore nel mondo rap ma il mio sogno era quello di inserire delle melodie nei miei brani e cantare.
Avevamo creato una band, il produttore ci ha iscritto a “The Voice” ma per il regolamento di quel periodo non potevi partecipare in quattro elementi. Dovevamo così dividerci in due (cantante e chitarrista per ogni formazione) e siamo stati presi io e il ragazzo che suonava con me.
E’ scattata però in me un’autoanalisi per capire se era davvero quella la strada che volevo e ho realizzato che il mio percorso era un altro.
L’altro ragazzo essendo anche cantante ha proseguito, ha fatto due puntate, si è montato la testa e alla fine… il nostro gruppo si è sfaldato.

Tu hai aperto importanti i concerti di artisti come Fedez, Danti Tedua… cosa ti hanno lasciato queste esperienze?
Tutte le esperienze live mi hanno regalato molte emozioni perchè sono un ragazzo molto emotivo.
Mi rimangono dei bellissimi momenti, io sul palco mi sento vivo perchè amo tantissimo interagire con il pubblico.

Dopo “Chimera” cosa arriverà?
Vuoi un super spoiler……
“Chimera” sarà la chiusura di un capitolo della mia vita e di esorcizzazione di fatti accaduti e l’apertura di tante nuove storie e di un nuovo me che ho sempre voluto far uscire nel corso degli anni ma non ho mai trovato l’occasione.
Ma ora è venuto il momento e sarà la parte di me più pop-urban-punke. Sarà fatta di tanta melodia, tanto canto, chitarra elettrica, canzoni più ritmate… un nuovo Dani White ancora più energico e più emotivo.

Un’ultima curiosità: da dove deriva il tuo nome d’arte?
È fuoriuscito a caso durante una serata con amici tantissimi anni fa. Vuole ricordare che gli errori che si fanno nella vita possono farti crescere e farti diventare una persona migliore che raggiunge gli obiettivi che si pone.

Il video di “Chimera” di Dani White

Il videoclip nasce da un’idea di Paolo Bianconi, e di Dani White stesso che vuole trasmettere pienamente tutte le sensazioni e gli attimi che si possono percepire a livello vibrazionale, energetico e letterale presenti nel brano. Lavorando ad un’idea ben strutturata e maniacale con uno studio di immagini, scenografia ed elementi d’impatto, i colpi di scena ed i cambi di situazione sono il punto forte del videoclip, che tiene incollato l’ascoltatore dall’inizio alla fine. Un viaggio introspettivo nel quale ci si può rispecchiare. Un progetto commerciale, molto piacevole da vedere e tutto diretto e prodotto da Paolo Bianconi. Hanno collaborato al video Davide Morelli-Dave  (direzione artistica), Amina Binda  (MUA) e Fabriloren (stylist).

Torna a inizio pagina