In lettura
Addio Stefano D’Orazio, un altro Grande se ne va

Addio Stefano D’Orazio, un altro Grande se ne va

stefano d'orazio
stefano d'orazio

È morto Stefano D’Orazio all’età di 72 anni

ADDIO STEFANO

Questo 2020 sembra non dare pace al mondo dell’arte e dello spettacolo, le notizie tragiche che lo stanno sconvolgendo non si fermano e ancora una volta ci troviamo a salutare uno dei Grandi della cultura italiana.

È morto ieri sera Stefano D’Orazio, all’età di 72 anni. Soffriva di una malattia pregressa e, contagiato dal Coronavirus, non ce l’ha fatta.

Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Red Canzian e Riccardo Fogli salutano così l’amico e collega: “Stefano ci ha lasciato. Due ore fa.. era ricoverato da una settimana e per rispetto non ne avevamo mai parlato.. oggi pomeriggio, dopo giorni di paura, sembrava che la situazione stesse migliorando.. poi, stasera, la terribile notizia”

In diretta su Rai 1 a Tale e Quale Show Loretta Goggi, insieme a Giorgio Panariello e Vincenzo Salemme, dà la notizia con commozione e sgomento. Nessuno si aspettava un’altra terribile perdita, l’Italia non si era ancora ripresa dalla morte del Maestro Gigi Proietti che già si ritrova a piangere un altro dei suoi Grandi.

pooh
STEFANO D’ORAZIO

Stefano D’Orazio è stato batterista, voce, paroliere e flautista nei Pooh. Nel 1971 entra nella band dopo l’uscita di Valerio Negrini e rimane accanto a Facchinetti, Canzian e Battaglia fino al 2009. Rientra nella formazione solo nel 2015 in occasione del cinquantennale.

Innumerevoli i successi della band tutta italiana: suoi i testi dei brani Che ne fai di te, Pronto buongiorno è la sveglia, Così ti vorrei, Buona fortuna, Tropico del nord, La ragazza con gli occhi di sole, Dimmi di sì.

Lavora poi accanto ad un altro Grande che ci ha lasciato solo un anno fa: Manuel Frattini. Lavorano per la prima volta insieme in occasione di Pinocchio – Il Grande Musical, con canzoni dei Pooh e testi di Stefano D’Orazio e Valerio Negrini. Il musical è un enorme successo, tanto che rimane in scena per anni e viene portato anche in Corea e a New York.

Continua con la scrittura di musical e nel 2010 va in scena Aladin, musical scritto da lui con musiche di Roby Facchinetti, Dodi Battaglia e Red Canzian. Anche qui è Manuel Frattini ad interpretare, magistralmente, il ruolo del protagonista.

Ancora, nel 2011 è al lavoro su W Zorro, musical con musiche di Roby Facchinetti. Torna nel 2013 la coppia D’Orazio-Frattini, questa volta in Cercasi Cenerentola: una rivisitazione moderna della classica favola. Manuel Frattini interpreta Rodrigo, il consigliere del Principe (Paolo Ruffini). Nel cast poi Beatrice Baldaccini (Cenerentola), Claudia Campolongo (Clementina la fata), Roberta Miolla (Genoveffa) e Silvia Di Stefano (Anastasia).

Nel 2019 è al lavoro su un’opera tra il rock e il sinfonico che rilegge la storia di Parsifal, con musiche di Roby Facchinetti, e su una commedia di Maurizio Micheli per cui scrive le musiche.

Non si ferma mai e nel 2020 scrive altri brani destinati alla voce di Roby Facchinetti: Rinascerò rinascerai, i cui diritti vengono devoluti a favore dell’ospedale Papa Giovani XXIII di Bergamo, Fammi volare, Invisibili e L’ultima parola.

Torna a inizio pagina