In lettura
ZIO VANJA (scene di vita). – Il tempo scorre, ma tutto rimane immutato. La nostra recensione
Scuro Chiaro

ZIO VANJA (scene di vita). – Il tempo scorre, ma tutto rimane immutato. La nostra recensione

Zio Vanja (scene di vita)

“Zio Vanja (scene di vita)” di Anton Cechov, traduzione e adattamento di Fausto MalcovatiTeatro Litta.
Questa riproposta di un classico del teatro e di Cechov nasce da un ‘idea di Antonio Syxty che insieme a Claudio Orlandini ne firma la regia.

Fernanda Calati
Fernanda Calati è la balia Marina

L’idea consiste nel scegliere un gruppo di attori che si conoscono e lavorano insieme, soprattutto come formatori, da anni.
In questo modo i rapporti della vita vera di questi attori si raccontano attraverso i personaggi dell’opera.
A questo gruppo familiare, mancavano i due estranei e sono stati individuati in Gaetano Callegaro, attore e direttore della Cooperativa, e in una giovane allieva appena diplomata, Margherita Caviezel, per interpretare rispettivamente il Professore e sua moglie Elena.

La trama di “Zio Vanja (scene di vita)

Zio Vanja vive, lavora ed amministra la tenuta del cognato e professore Serebrjakov. Vive con Sonja, figlia di primo letto del professore. Zio e nipote vivono una vita di lavoro e di affetti silenziosi e rinuncia alle speranze segrete.
Quando il professore si trasferisce a vivere nella tenuta con la sua seconda moglie Elena, la vita di campagna e i suoi ritmi vengono turbati. E vengono portati alla luce rinunce e rimpianti dei diversi personaggi.
Emergono la disillusione, il senso di fallimento e vita sprecata di Vanja; la sofferenza della mancanza di una vita familiare, di un amore corrisposto di Sonja; le frustrazioni di Elena, delusa dalla vanità presuntuosa del marito, decisa però a non rispondere all’amore di Vanja e al corteggiamento del dottor Astrov; l’insofferenza di una vita dedicata ad una professione che non dà soddisfazioni del dottor Astrov.

Zio Vanja (scen di vita)
zio Vanja ha rinunciato ai suoi sogni nel cassetto. Per cosa?

Infine dopo il colpo di scena del professore che propone la vendita della proprietà, rifiutato per un motivo o per l’altro da tutti, il Professore con la giovane moglie decidono di lasciare la vita di campagna e trovare una sistemazione in città.

Tutto torna al monotono fluire dei giorni precedente alla venuta della coppia, ma ognuno conserva delusione, senso di rimpianto e fallimento nel cuore

Il cast di “Zio Vanja (scene di vita)

Zio Vanja (scene di vita ) il cast
Il cast al completo di Zio Vanja (scene di vita)

Fernanda Calati (Marina la balia), Gaetano Callegaro (il Professore Serebrjakov), Margherita Caviezel (la giovane moglie Elena Andreevna) , Pietro De Pascalis (Zio Vanja), Maurizio Salvalalio (il dottore Astrov.), Debora Virello (Sonja): difficile parlare singolarmente di questi attori poiché tutti o nessuno sono protagonisti.
Soprattutto visto il desiderio del regista che il cast degli attori fosse come una famiglia anche nella vita reale. Infatti il gruppo che convive nella casa di campagna è costituito da attori che sono anche formatori da molti anni di Grock Scuola di teatro.

Regia Antonio Syxty e Claudio Orlandini
Scene Guido Buganza
Disegno Luci Fulvio Melli 
Costumi Valentina Volpi
Quadri di scena Aurelio Gravina 
Direzione di produzione Elisa Mondadori

Produzione Manifatture Teatrali Milanesi

Teatro Litta MTM di Milano

Zio Vanja (scene di vita)Teatro Litta

dal 11/01/2024 al 28/01/2024

Forse ti potrebbe piacere anche…
Come un giglio in un campo

INFORMAZIONI BIGLIETTERIA
Teatro Litta
Corso Magenta 24
02.86.45.45.45 – biglietteria@mtmteatro.it


La nostra recensione


Storia di una vita ormai insediata sul suo binario, che procede lenta e monotona.
Il tempo trascorre lento eppure veloce.
Il senso di aver sprecato il proprio tempo, il proprio talento.

Zio Vanja (scene di vita)
Il Professore e sua moglie Elena stanno per partire. Tornerà tutto come prima?

Disillusione e rammarico sono altri sentimenti che traspaiano. Disillusione e rammarico di Vanja che ha ammirato e dedicato tutto il suo lavoro al cognato, il Professore. Oggi scopre che è un mediocre, che non ha concluso nulla e che è vissuto alle sue spalle. Zio Vanja ha rinunciato alle sue aspirazioni per questo ed ora non c’è più tempo!
Delusione e dolore per Sonja che vede davanti a se una vita dedicata solo al lavoro, al dovere e priva di amore.
Delusione ed insofferenza del dottore Astrov che si trova a dover tornare ai meschini malanni dei suoi pazienti. Persa la possibilità di una storia d’amore. Sembra aver perso anche quell’amore da misantropo rivolto tutto alla natura ai boschi.

Insomma questo tornado che è passato nella quieta vita di Vanja, Sonja, la vecchia balia e il dottore, non è riuscito a portare cambiamenti.
Ha costretto però ognuno di loro a fare i conti con la vita condotta finora e i risultati che ne traggono più o meno tutti è di aver sprecato il tempo fino ad ora, ma anche che non c’è più tempo per cambiare rotta.

Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

© 2020 Dejavu. All Rights Reserved.

Torna a inizio pagina