In lettura
THE OPERA LOCOS – Le opere liriche non sono solo tragedia!
Scuro Chiaro

THE OPERA LOCOS – Le opere liriche non sono solo tragedia!

The opera locos

“The opera locos” da un idea di Yllana e Rami Eldar
VINCITORE DEL PREMIO MAX 2019 COME MIGLIOR SPETTACOLO MUSICALE
Terzo e ultimo appuntamento di questa rassegna di spettacoli ideati e prodotti da Yllana.
Si tratta di una prima nazionale di uno spettacolo che ha riscosso grandi successi in Spagna, Francia e Messico e che, dopo la tappa a Milano, proseguirà per in una tournée che li porterà in Usa, Canada e Gran Bretagna.

La trama di “The opera locos

Cinque grandi cantanti lirici, chiamati ad un evento unico in cui ripercorrere i più grandi classici dell’opera.
Buone premesse per un grande spettacolo, ma ognuno di questi grandi artisti ha un ego ingombrante e di conseguenza si creano momenti di confusione e di grande comicità.

I cinque personaggi, ognuno originale a suo modo, si esprimono attraverso frammenti di Arie di opere famose, mescolate tra di loro o con temi di varietà, riorganizzati o parodiati.

The opera locos
Ed in mezzo a tanta opera lirica anche un balletto!

Si parte da uno studente con il suo professore di canto, intenti a studiare con poco successo l’Aria di Figaro da Il barbiere di Siviglia. Passando poi per un’ammiratrice che riesce a conquistare un cantante di Opera ubriaco e depresso perché incapace di cantare adeguatamente Nessun Dorma della Turandot…Per finire con una seduttrice che proclama l’amore libero di Carmen prima di provare a sedurre un uomo del popolo (verrà a sceglierselo tra il pubblico!) grazie all’Aria di Sansone e Dalila «Mon cœur s’ouvre à ta voix» e «I will always love you» di Whitney Houston.

La cantante che scende in sala cercando di sedurre uno del pubblico, non è l’unico coinvolgimento della platea. Abbiamo anche un intermezzo in cui uno dei cantanti conduce una Masterclass con il pubblico, facendo provare alcuni vocalizzi.

Il cast di “The opera locos

María Rey-Joly / Irene Palazón (soprano)
Mayca Teba / María Maciá (mezzo soprano)
Antonio Comas / Jesús Álvarez (tenore)
Enrique Sánchez-Ramos / Jorge Tello (baritono)
Jesús García Gallera / Alberto Frías (controtenore-sopranista).
Come per ogni opera che si rispetti per ogni ruolo c’è il doppio cantante.
Ognuno di loro da luogo a delle prestazioni veramente notevoli, sia per la qualità delle loro voci, sia per le loro qualità complete sia di attori che ballerini.
Colpisce soprattutto la voce del controtenore o sopranista, forse perché non siamo abituati a sentire una voce maschile cantare da soprano (non in falsetto, proprio da soprano). Rappresenta un esperienza veramente sorprendente.

Creato e diretto da Yllana
Regia David Ottone e Joe O’Curneen
Direzione musicale Marc Álvarez e Manuel Coves
Coreografie Carlos Chamorro
Set design Tatiana De Sarabia, David Ottone e Yeray González
Light design Pedro Pablo Melendo
Sound design Luis López de Segovia
Costume design Tatiana de Sarabia
Makeup design Tatiana de Sarabia, Sara Álvarez e ARTMAKERS

Il trailer di “The opera locos

Teatro Menotti

The opera locos

dal 20/10/2023 al 22/10/2023

Sito web: www.teatromenotti.org

Forse ti potrebbe piacere anche…
Max Pisu e Nino Formicola in Forbici&Follia

INFORMAZIONI BIGLIETTERIA
0282873611
biglietteria@teatromenotti.org


La nostra recensione


Il terzo spettacolo di produzione Yllana è ancora uno spettacolo che gioca con la musica.
In The opera locos è la musica lirica ad essere presa di mira: passando da brani famosi dei più diversi autori, da Verdi a Puccini, Bizet e Mozart, brani che a volte scivolano in altri di stampo decisamente più moderno del mondo del rock e del pop.
Brani tragici usati, con anche l’utilizzo di alcune coreografie, per commentare situazioni comiche e talora anche imbarazzanti.

The opera locos
Non poteva mancare un flamenco!

Divertente e coinvolgente la Masterclass tenuta dal baritono Jorge Tello, ti trovi all’improvviso impegnato a canticchiare aria famose che non avevi mai osato fare neanche nell’intimità del tuo bagno!

Anche con questo spettacolo viene dimostrato che un approccio spensierato e divertente aiuta ed avvicina ad un genere musicale considerato “ostico”.

Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

© 2020 Dejavu. All Rights Reserved.

Torna a inizio pagina