In lettura
SUPERNOVA – Esplosione, evoluzione, collasso. Una parabola famigliare
Scuro Chiaro

SUPERNOVA – Esplosione, evoluzione, collasso. Una parabola famigliare

Supernova

“Supernova”, drammaturgia Mario De Masi, al Teatro Parenti.
Supernova è un opera del 2019 di Mario De Masi, regista e drammaturgo autodidatta.
L’ispirazione di partenza è la descrizione di cosa è una supernova:


“Un’esplosione violentissima e duratura di una stella che ne ingloba un’altra, producendo una materia che si disperde nell’universo e che dà vita a nuove stelle, mentre il fulcro di tutto collassa su se stesso e crea un buco nero.”

Nelle tre fasi della supernova: esplosione, evoluzione, collasso, De Masi vi legge le fasi di una parabola familiare.

La trama di “Supernova

Tre fratelli, li vediamo nella loro fase giovanile, alle soglie di intraprendere le loro strade future da adulti.
I rapporti, gli scherzi, i contrasti comuni tra fratelli.

Poi l’evento di svolta, l’esplosione, la morte del padre.
Qui i tre si scoprono improvvisamente adulti, loro malgrado.
Ognuno di loro sceglierà una via diversa per affrontare questo nuovo mondo.

Supernova
I fratelli ancora nella fase giovanile, prima di prendere la propria strada

Il maggiore si assume la responsabilità di prendere sulle sue spalle l’attività di famiglia (sono panettieri e hanno un forno).
Il fratello di mezzo, quello che ha studiato è un po’ il “genio” di famiglia, si allontana, fugge e per 6 anni non si vedrà.
Il terzo, il più piccolo entra in una posizione di stallo, è il “cocco” della mamma, non riesce a trovare una strada, una maturità.

La terza fase, il collasso, determinato dall’approssimarsi della morte della madre.
Ritorna il fratello che si era allontanato. le vite dei tre si re-intrecciano.

Il cast di “Supernova

Compagnia I Pesci : Alessandro Gioia, Fiorenzo Madonna, Lia Gusein-Zadé, Antonio Stoccuto.
Prima di tutto prova faticosa ed efficace dell’unica presenza femminile in scena Lia Gusein-Zadé che interpreta la figura della madre, ma senza mai dire una parola. Parlano gli occhi e soprattutto il corpo facendo affidamento alle sue peculiarità di danzatrice e coreografa.
Una madre che tiene i suoi tre figli sempre legati a se fino alla fine. Infatti se all’inizio simbolicamente li mette al mondo ponendo in scena tre oggetti che li rappresentano, la scena si conclude con i figli che ripongono nella sua borsa (un po’ il suo utero) se stessi, i tre oggetti simbolici.

Alessandro Gioia è Italo il maggiore, quello che si deve prendere carico delle responsabilità soprattutto economiche. Deve prendere in mano l’attività di famiglia per assicurare l’esistenza di tutti, gli studi del secondogenito. Dovrà così rinunciare ai divertimenti, ad una vita affettiva.
Fiorenzo Madonna – Massimo, quello più intelligente, più amante dello studio, quello su cui si sono puntate le risorse per un riscatto, ma che se ne va, non da notizie di se. Forse invece manda sue notizie, ma il suo allontanamento viene visto come tradimento e viene ignorato.

Infine Antonio Stoccuto il fratello più piccolo, che viene cullato e coccolato, infantilizzato, sembra non crescere mai, ma è anche colui a cui è quasi totalmente affidata la cura della madre nel suo declino e malattia.

Regia Mario De Masi
Disegno luci Desideria Angeloni
Disegno sonoro Alessandro Francese
Costumi Diana Magri
Aiuto regia Serena Lauro
Foto di scena Ivana Fabbricino

Produzione Teatro Franco Parenti / Compagnia I Pesci

Forse ti potrebbe piacere anche…
Racconti disumani

Trailer “Supernova


La nostra recensione


Incredibile come in un lavoro della durata di soli 55 minuti si sia riuscito a sintetizzare l’evolversi di dinamiche familiari che si sviluppano in un intera vita.

Supernova
Momenti di svolta

Una visione della figura della Madre pessimistica, ma purtroppo talora reale.
Una madre che li mette al mondo, li nutre e li cresce, ma nello stesso tempo li indirizza secondo un suo personale punto di vista. Apparentemente dà loro gli strumenti dell’indipendenza, ma in realtà non taglia mai definitivamente il cordone ombelicale e li richiama a se.

Dove vedere “Parlami come la pioggia

Supernova” al Teatro Parenti Sala Tre
dal 28/11/2023 al 3/12/2023

Sito web: www.teatrofrancoparenti.it

INFORMAZIONI BIGLIETTERIA
Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Pro
Contro
Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

© 2020 Dejavu. All Rights Reserved.

Torna a inizio pagina