In lettura
Emozioni dopo lo spettacolo!

Emozioni dopo lo spettacolo!

RACCONTASOGNI
RACCONTASOGNI

I RACCONTASOGNI raccontano il dopo “OGNI STORIA E’ LA TUA STORIA”

CRISTINA

….quando si sono spente le luci in sala, il buio e il silenzio sono diventati protagonisti assoluti del nostro spettacolo. Avevo il  cuore a mille perché finalmente tutto diventava realtà.

Si certo ansie, preoccupazioni che tutto funzionasse al meglio ma con un cast così “speciale” non poteva essere diverso.

E poi si inizia e emozione dopo emozione il sogno diventava realtà.

Ascoltavo la musica e le parole fluire come qualcosa di irreale dalle voci dei miei RACCONTASOGNI.

Non credevo alle mie orecchie e ai miei occhi ma alla fine ho avuto la certezza di quello che pensavo: mi avete regalato lo spettacolo forse più bello che io abbia mai fatto. 

Grazie Raccontasogni siete “meravigliosamente unici”.

Cristina Rampini
VALENTINA

Ogni Storia è la tua Storia è un viaggio per lo spettatore e per l’interprete. Anche quest’ultimo non può prescindere dal farsi coinvolgere dalle storie raccontate e dalle emozioni richieste sul palco.

È questo ciò che di più mi ha lasciato questo spettacolo, un insieme di sensazioni diverse l’una dall’altra da poter e dover mostrare al pubblico. Potremmo parlare di uno svuotamento, che ti scarica le batterie ma ti permette di ricaricarle e ripartire con il cento per cento delle forze.

Valentina Oliva
CHIARA

È stato emozionante emozionarsi per cose che non hai mai provato. 

È stato difficile trovare le sfumature giuste per esprimere emozioni forti. Trovare la giusta espressione per far trasparire l’odio, la giusta intonazione per far trapelare del cinismo è molto altro. In alcune occasioni è stata una sfida. 

A volte era troppo difficile trovare quelle sensazioni che ci rendessero veri e a volte era talmente facile da dover stare attenti a non caderci dentro.

Sono molto soddisfatta di come è andata la prima di questo spettacolo, ci siamo emozionati e il pubblico ha fatto lo stesso, il riscontro è stato positivo e questa è la vittoria più grande.

Chiara Cremascoli
MANUEL

Si inizia! Buio… Musica… Parole… Luci…

Sale l’ansia, sta per arrivare il mio brano, ecco ci siamo quasi… “Luci a San Siro”! Di colpo la tensione scompare ed entro nel mondo del mio personaggio e da li in poi un susseguirsi di emozioni: gioia, amore, rabbia, pazzia, disperazione.

Il palco non era più un palco ma era una stanza, un prato, un’aula di tribunale…

Tutto scorreva fluido, i nostri personaggi si alternavano senza sosta e prendevano vita.

Bellissima l’energia che c’era sul palco nel secondo tempo quando eravamo in scena sempre tutti insieme!

Emozionante vedere come Chiara viveva “L’amore rubato”, commovente vedere le lacrime di Valentina nel dialogo dedicato al papà scritto da Cristina.

Arrivano poi i saluti e da un lato la gioia di aver portato a termine uno spettacolo cosi impegnativo dall’altro un pò di dispiacere per dover salutare tutti i nostri personaggi… ma solo fino alla prossima storia…

Manuel Gervasoni
0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

Torna a inizio pagina