In lettura
Sanremo 2023: serata cover dove tutti sono ospiti di qualcuno! – Quarta serata
Scuro Chiaro

Sanremo 2023: serata cover dove tutti sono ospiti di qualcuno! – Quarta serata

Sanremo 2023 - La quarta serata quella delle cover

Sanremo 2023 – La serata delle cover!
Eccoci dunque alla vigilia del gran finale.
In questa serata i concorrenti in genere si rilassano e hanno modo di divertirsi, godersi la musica senza la pressione della gara e materializzare qualche loro sogno.

In una serata come questa diventa difficile distinguere i momenti gara e i momenti ospiti perché in realtà è una lunga sfilata di ospiti, visto che ogni cantante in gara ha invitato un collega o addirittura più d’uno o una band.
Ogni cantante in gara in realtà ci mostra un piccolo spettacolo, un quadro personale.

Comunque tra tutti questi duetti, qualche momento extra, c’è anche in questa quarta serata.
Prima di tutto un premio ad un grande della musica leggera nei suoi 70 anni di carriera si tratta di Peppino di Capri!

Peppino di Capri
Peppino di Capri riceve il premio alla carriera per i suoi 70 anni di vita artistica.

Così lo presenta Gianni Morandi:

Lo chiamavano il re del twist perché fu il primo a introdurlo in Italia. Si distingueva perché aveva un modo tutto suo di cantare. Prendeva le canzoni napoletane e le rendeva moderne.

Quale miglior canzone per festeggiare un anniversario di questo tipo che “Champagne”?
Infatti canta proprio questa in compagnia di Gianni e Amadeus.

I primi cantanti si sono già esibiti ed ecco finalmente il momento per introdurre la compagna di conduzione di di questa serata Chiara Francini (un’altra Chiara, un’altra con le iniziali CF!).
Da brava attrice, ma anche conduttrice e scrittrice, Chiara Francini ha deciso che in una serata dove ognuno crea un suo piccolo spettacolo lei deve creare un po’ di spiazzamento con una entrata, anzi mancata entrata, e con comicità.

Chiara Francini
Chiara Francini non ne vuole sapere di fare l’ingresso dall’alto, si fa trovare tra il pubblico.

Infatti Amadeus la annuncia e la chiama più volte, ma dalla famosa scala non compare nessuno, finché una voce non si fa sentire tra il pubblico ed eccola, un po dimessa seduta in platea.
Vorrebbe passarla li la serata del Festival (un po’ nascosta come sarebbe piaciuto anche al presidente Matterella, ma a Sanremo non si può!).

Poi si lascia convincere e dopo essersi messa un “cencetto” fa il suo ingresso di rito.
A questo punto, visto che è entrata a pieno diritto nella serata, si concede con Amadeus un breve sketch per raccontare, cantando, come è avvenuto il suo ingaggio.
Poiché siamo nella giornata di ricordo delle Foibe, Amadeus sedendosi tra il pubblico, trova un momento per tributare anche lui un ricordo leggendo un breve brano della testimonianza di Egea Haffner raccolte nel libro di Gigliola Alvisi “La bambina con la valigia”.

Sanremo 2023
Amadeus trova un momento per dedicare un tributo alla giornata del Ricordo delle Foibe.

Dopo un’altra serie di duetti ci aspettano i momenti “fuori sede”:
Suzuki Stage con La rappresentante di lista, che come manichini in una vetrina ci presentano due pezzi Diva e il successo tormentone della scora stagione Ciao, ciao.
Costa Smeralda con Takagi e Ketra cantano un cantano un medley dei loro successi: ‘Roma Bangkok’, ‘Una volta ancora Bubble’ e ‘Panico, ma tutto molto veloce perché la serata è ricca di appuntamenti.

Ecco il momento di promozione, non del tutto, perché si tratta di una serie della Rai che è già alla terza stagione iniziata.
Una serie che ha riscosso un grande successo, che vuole parlare di speranza, che riprende l’argomento del monologo di un paio di sere fa di Francesca Fagnani.

Mare fuori
I giovani interpreti di Mare fuori, cantano la sigla della fiction.

La canzone ” O Mar For” viene introdotta prima da Edoardo (Mattei Paolillo), che oltre ad essere un interprete della fiction e anche un artista nel mondo della musica dove è conosciuto con il nome di Icaro.
Seguito poi da tutti gli altri giovani interpreti di questa fiction.

Forse ti potrebbe piacere anche…
Graziano Galatone, Giò Di Tonno, Vittorio Matteucci

Breve momento di defaiance, al termine del brano, di Amadeus che mentre parla con i ragazzi sul palco non si accorge che Carolina Crescentini è già pronta per scendere la scalinata (o forse è lei ad aver sbagliato i tempi d’uscita?), comunque tutto si risolve, e si aggiunge anche lei al gruppo.
Breve collegamento con Fiorello, sempre più clochard, ormai sdraiato sul marciapiede e coperto con sacchi a pelo e coperte.
Infine monologo di chiusura di Chiara Francini

Chiara Francini
Chiara Francini sceglie per chiudere un monologo molto personale sulla maternità.

Chiara Francini, dopo aver iniziato la serata con toni ironici, leggeri e divertiti, sceglie in chiusura di regalarci alcuni pensieri molto più seri e personali.

Un monologo che racconta se stessa i suoi interrogativi e sofferenze, ma che sono interrogativi e sofferenze che appartengono a molte donne, cioè quello di non essere diventata madre.
Difficoltà nella scelta di non essere diventata madre di fronte ad una società che fa pressione, che tendenzialmente colpevolizza.
Donne che per questo, nonostante la loro scelta consapevole, si sentono sbagliate.

A noi donne il senso di colpa ci rimbomba dentro, come un eco.

Parla della difficoltà di immaginarselo questo figlio, intesse anche un dialogo con questo figlio mai nato ma forse sempre esistito.
Insomma Chiara Francini nuovamente ci spiazza e dopo un inizio all’insegna della leggerezza ed ironia ci lascia con uno squarcio su se stessa, le sue domande le sue
solitudini.
Può essere sembrato strano che il suo monologo sia giunto così tardi, praticamente a fine serata, ma è giusto così.
Dopo parole così personali e intime non sarebbe stato consono proseguire con musiche e balletti!

Vincitore della serata – Marco Mengoni ça va sans dire – classifica finale e Buonanotte!

Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

© 2020 Dejavu. All Rights Reserved.

Torna a inizio pagina