In lettura
Ho perso il filo – Torna Angela Finocchiaro nei panni di un’improbabile Teseo

Ho perso il filo – Torna Angela Finocchiaro nei panni di un’improbabile Teseo

Ho perso il filo in scena al Carcano

Ho perso il filo”Teatro Carcano.

Eccola tornata Angela Finocchiaro con questo spettacolo che è un suo progetto insieme a Walter Fontana, Cristina Pezzoli.

Ho perso il filo è uno spettacolo uscito nel 2019 di cui vi abbiamo già parlato, grazie anche ad una splendida intervista con la protagonista Angela Finocchiaro.

La trama di “Ho perso il filo”

Eccola Angela che entra dal fondo della sala, prendendo di sorpresa il pubblico!

Parte subito da se stessa, da considerazioni personali: il bisogno di cambiare, di fare qualche cosa di nuovo, di mai fatto.

E così sarà Teseo! Un eroe, un maschio e si avvia all’interno del palco, dopo aver consegnato un voluminoso gomitolo del suo filo ad un Arianna del pubblico, rigorosamente maschio!

Si trova immediatamente persa nel Labirinto, persa nel suo mondo interiore, nei suoi ricordi.
Si ritrova a dialogare con… il Muro! che altro non è forse che la sua coscienza? Alter Ego? Spirito consapevole?

Ho perso il filo in scena al Carcano
Angela Finocchiaro insieme alle Creature del Labirinto in un momento di “Ho perso il filo”.

Angela/Teseo si trova a dialogare con il muro, a dover essere totalmente sincera, ammettere le verità, anche quelle più scomode della sua vita.

Si trova a ripercorrere le tappe della sua vita, l’infanzia a scuola dalle suore, la giovinezza, i primi amori, i primi spettacoli, gli ideali.

Aiutata e condotta in questo percorso da le “creature del labirinto” (6 ballerini acrobatici) che riportano in vita figure del passato, oppure che, con momenti di danza, la trascinano o la spingono ad andare oltre, ad osare.

Troverà Angela/Teseo, la strada per uscire dal suo personale labirinto? Troverà il coraggio per affrontare il mostruoso Minotauro?

Il cast di “Ho perso il filo”

Angela Finocchiaro interpreta Teseo
Angela Finocchiaro negli improbabili panni di Teseo.

Angela Finocchiaro (Angela/Teseo): straordinaria, con la sua nota autoironia, con il suo sguardo realistico e disincantato. Da veramente alla luce qualche cosa di nuovo, dove si sperimenta anche con modalità espressive a lei nuove, come la danza, dandogli comunque un tocco di divertita ironia.

Le creature del Labirinto
Le creature del labirinto accompagnano le tappe di Angela/Teseo.

Le Creature del Labirinto (Alis Bianca, Alessandro La Rosa, Antonio Lollo, Filippo Pieroni, Alessio Spirito, Carmelo Trainito) questi giovani ballerini atleti dialogano, combattono, spingono e trascinano il/la nostro eroe Teseo/Angela.
La loro danza è trascinante e sorprendente, le loro abilità acrobatiche sono indiscusse!
Allo stesso tempo, forse contagiati dalla Finocchiaro, risultano anche ironici nei loro interventi.

Regia: Cristina Pezzoli
Scene: Giacomo Andrico
Coreografie originali: Hervé Koubi
Musiche originali: Mauro Pagani
Luci: Valerio Alfieri

Trailer di “Ho perso il filo”

Teatro Carcano

“Ho perso il filo”

dal 5/03/2022 al 6/03/2022

Sito web: https://www.teatrocarcano.com/

INFORMAZIONI BIGLIETTERIA

https://biglietti.teatrocarcano.com/

corso di Porta Romana, 63 – Milano 
Biglietteria aperta tutti i giorni dalle ore12:30 alle ore 18:30 e a partire da un ora prima dell’inizio degli spettacoli


La nostra recensione


Non avevamo dubbi! Lo spettacolo è allegro, frizzante, divertente e nello stesso tempo sottolinea e mette in luce ansie, dubbi, timori, ipocrisie, pregiudizi ed anche qualche piccole meschinità che Angela presenta come sue, ma che in realtà appartengono a ciascuno di noi.

Esilarante l’idea di un muro, il muro del labirinto, del nostro labirinto interiore, che parla (come un grillo parlante) e mette alle strette, “con le spalle al muro” la nostra Angela/Teseo.

Molto bello e abile anche la presenza dei sei ballerini acrobatici che introducono delle figure alternative al protagonista del monologo, danno ritmo e movimento alla scena e al racconto.

Pro

Angela Finocchiaro sa raccontarti le tue paure, le tue domande esistenziali, le tue perplessità, come le cose più normali e comuni e sa renderle esilaranti in modo irresistibile.

I momenti di ballo servono a dare ritmo al monologo e nello stesso tempo ci presentano Angela Finocchiaro sotto un nuovo aspetto di "ballerina".

Una scenografia che c’è, ma non c’è! Schermi a strisce, su cui vengono proiettati frasi, parole di un misterioso ”muro” che dialoga con Angela/Teseo.

Contro
0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

Torna a inizio pagina