In lettura
HAPNEA: “Quando la musica canta per Madre Terra”. Il nuovo singolo “Prede e maree”. Intervista esclusiva.

HAPNEA: “Quando la musica canta per Madre Terra”. Il nuovo singolo “Prede e maree”. Intervista esclusiva.

Hapnea

Ognuno di noi sta portando alla deriva questo pianeta e il fatto peggiore è che ne siamo tutti consapevoli.

Hapnea

C’è un battito profondo che apre “Prede e Maree”, il nuovo singolo firmato dagli Hapnea. Avvalendosi ancora della produzione di Frankie Wah dei Little Pieces of Marmelade, il trio marchigiano regala un altro pezzo ricco di contenuti e di fascino sonoro. 

“Prede e maree”: musica per l’ambiente.

La nostra “madre azzurra piena di lividi” si lamenta ed è testimone della propria distruzione, giorno dopo giorno. Il Polo Nord si scioglie e noi rimaniamo a guardare e respirare “Fiamme alte, giorni infranti, sciolta neve, l’anidride nelle vene”.

Gli Hapnea ci ricordano quello che succede ogni giorno sotto i nostri occhi, invitando al cambiamento per evitare di rimanere “prede delle nostre vecchie idee”. Un altro grande brano di un gruppo sempre più consapevole del proprio talento. 

La cover di Prede e Maree degli Hapnea
La cover di “Prede e Maree” degli Hapnea

Un significato molto importante nel brano come ci dicono gli Hapnea stessi: “Prede e maree” è un brano che abbiamo avuto il piacere di registrare nello studio di un caro amico insieme ad altri amici. È stata un’esperienza intensa e molto soddisfacente. Per noi il brano è un’ammissione di colpa. Basterebbero piccole azioni quotidiane per rispettare un po’ di più l’ambiente e gli altri esseri viventi con cui condividiamo queste terre. L’essere umano tende ad autodistruggersi, diventa preda di se stesso.

Quattro chiacchiere con gli Hapnea.

Ciao ragazzi, ci raccontate qualcosa della vostra band?
Siamo una band rock blues/soul proveniente dalla provincia di Macerata (Marche) formata da Paolo Tasso alla batteria/percussioni/synth, Lorenzo Cespi al basso e Gabriel Medina alla voce/chitarra elettrica.

“Prede e maree” è il vostro nuovo singolo, ricco di riferimenti alle tematiche ambientali. Da cosa avete preso spunto?
Da ciò che ci circonda, ogni giorno conviviamo con le problematiche legate all’ambiente, solo che noi cerchiamo di non ignorarle.

C’è un video ad accompagnare il brano?
Sì, è uscito venerdì 20 maggio.

Vi occupate spesso di tematiche sociali importanti. Pensate che la musica possa essere un veicolo importante per questo tipo di messaggi?
Assolutamente sì, l’arte in tutte le sue forme è sempre stata il più grande mezzo di diffusione di messaggi importanti.

Il vostro produttore è Frankie Wah dei Little Pieces of Marmelade. Avete mai parlato di un featuring con il duo?
Non proprio, ma capita di jammare insieme e divertirci. L’unico featuring presente online è un brano dei nostri cantanti che si intitola “Miracles are not well exlplained” sotto lo pseudonimo “kaorii”.

Gli Hapnea
Gli Hapnea cantano per la Madre Terra.

Chi sono i vostri punti di riferimento musicali?
Balthazar, Beatles, SAULT, Bud Spencer Blues Explotion, Charles Bradley, Calibro 35, ecc.

Che caratteristiche deve avere una canzone degli Hapnea per passare i vostri criteri di selezione e finire pubblicata?
Avere una buona melodia ed essere divertente per noi da suonare dal vivo.

Avete in programma dei concerti prossimamente?
Per ora vi possiamo invitare il 3 giugno al Circolo Artigiana Arci di Fano (PU) e il 16 luglio al Fermento Festival di Treia (MC).

Il video di “Prede e Maree”.

0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

Torna a inizio pagina