In lettura
ELENA CANTI: “Il brano giusto per una sera d’estate”. Il nuovo Singolo “A me basti tu”. Intervista esclusiva. 
Scuro Chiaro

ELENA CANTI: “Il brano giusto per una sera d’estate”. Il nuovo Singolo “A me basti tu”. Intervista esclusiva. 

Elena Canti, giovane cantautrice milanese esce con un nuovo singolo dal titolo “A me basti tu”, in featuring con una stella nascente della scena rap italiana contemporanea: Anto Paga, che con la sua Hit “Vorrei Dirti” ha superato i 19 milioni di streaming su Spotify.

Il brano, che porta le firme di Simone Di Leonardo, Anto Paga, Roberto Passoni e Cristian Labelli, è già disponibile nei principali store digitali per l’etichetta discografica Feeling s.r.l. (distribuzione Ingroove – Universal).
Lyrics video e shooting sono realizzati presso Cross Studio a Milano.

Di cosa parla “A me basti tu”

“A me basti tu” descrive una tematica ricorrente nelle giovani generazioni, nei momenti di malinconia a volte basta una persona a colmare ogni vuoto. Il brano è un punto di incontro tra due esperienze personali degli artisti, sottolinea come in un momento di difficoltà in cui si sono trovati solo “quella” persona li faceva sentire “a casa”.
Il brano è caratterizzato da un sound estivo nonostante il tema nostalgico espresso da Elena e Anto Paga avvicinandosi a chi sta vivendo questa esperienza.

La cover di “A me basti tu”

E’ il racconto di un amore giovane ed ha una melodia orecchiabile costruito su synth e tastiere in stile anni 60, con note riconoscibili e cantabili. Un dialogo tra giovani innamorati che tra incomprensioni e dichiarazioni d’amore, cattura l’orecchio dell’ascoltatore.

Quattro chiacchiere con Elena Canti.

Si parla d’amore nel tuo nuovo singolo “A me basti tu” e quindi non posso non chiederti quanto c’è di te in questo brano?
Parecchio perché è una storia che è stata creata basandoci su esperienze passate mie e di Anto Paga e quindi c’è anche del nostro vissuto.

Come è nato l’incontro tra te e Anto Paga?
L’idea di creare una collaborazione con un artista maschile era già nell’aria. Prendendo in considerazione diverse proposte è uscito il nome di Anto Paga che ci è sembrato quello che più si potesse avvicinare al nostro progetto.
Con lui mi sono trovata benissimo a livello musicale e umano.

Avete fuso le vocalità di una cantautrice e un rapper facendo però un salto nel passato con uno stile musicale che va verso gli anni ’60…
La produzione che sta dietro il brano, come anche nei miei due singoli precedenti, era orientata verso queste sonorità.
Abbiamo così cercato di mantenere un po del mio stile modernizzandolo con quelli che sono i ritmi e le sonorità più attuali di Anto Paga.

Un talent o un Sanremo Giovani nella tua vita?
Potessi scegliere ovviamente ti direi Sanremo Giovani anche se il Talent apre molto porte.

Forse ti potrebbe piacere anche…
Youngod

Le tue influenze musicali?
Io sono sempre stata attratta da tutto il mondo della Black Music quindi Soul, Funky, R&B…
Nel mondo musicale italiano mi piacciono molto Giorgia, Elisa, Mia Martini, sono molto classica.

Elena Canti, cantautrice milanese.

Quando hai capito che la musica poteva essere più che una passione e ne hai fatto un lavoro?
Io canto da quando sono piccola, poi col tempo ho avuto conferme anche esterne del fatto che non ero solo io a pensare di essere brava.
Mi sono così iscritta a una scuola di canto e ho iniziato un percorso più professionale.
Sono partita con una Band Blues con cui ho fatto i primi live e ora sto lavorando al mio progetto come solista.

Quando inizi a scrivere?
Già con la Band avevo scritto alcuni brani ma in inglese.
Quando sono passata all’italiano è stato tutto molto diverso e diciamo un po’ più difficile dovendo essere molto più convincente con le parole che scegli.

Stai già lavorando a qualcosa di nuovo?
Si c’è un altro brano in cantiere che è già buon punto e quindi potrebbe essere che ci si risentirà a breve e con sonorità molto diverse!

Il Lyric-Video di “A me basti tu”.

Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

© 2020 Dejavu. All Rights Reserved.

Torna a inizio pagina