In lettura
Mighty Express: il gioco di squadra

Mighty Express: il gioco di squadra

mighty express

Mighty Express, la seconda stagione, 8 episodi, visibili dal 2 febbraio su Netflix.

Un’altra nuova serie pensata per i bambini in età prescolare, Mighty Express è ambientata in un mondo ferroviario, dove bambini gestiscono delle stazioni ferroviarie e lavorano insieme a Mighty Express, una serie di treni “lavoratori” ognuno caratterizzato da qualche funzione speciale.

Mighty Express è una serie televisiva canadese-americana, ideata da Keith Chapman, ideatore anche di PAW Patrol (un gruppo di sei cani da salvataggio guidati da un ragazzo esperto di tecnologia) e di Bob aggiustatutto ( un costruttore edile e i suoi amici attrezzature da cantiere)

La tramam di Mighty Express

Binario City è la fantasiosa cittadina dove si svolgono le avventure di Mighty Express.

Un gruppo di ragazzini gestisce le stazioni ferroviarie di Binario City, ogni giorno c’è una “missione” da portare a termine.

C’è qualcuno o qualche cosa da andare a prelevare, c’ è un luogo dove avviene il caricamento ed una stazione da raggiungere per portare a destinazione il passeggero.

Ogni volta viene scelto un vagone particolare per svolgere il compito, ovviamente durante il percorso accade sempre qualche imprevisto che mette in difficoltà il treno prescelto. Difficoltà che verrà superata con l’intervento di altri vagoni che portano il loro contributo e aiuto.

Ed infine ogni avventura termina con successo e gioia di tutti quanti.

Così abbiamo Mandy la postina che vuole distribuire tutta da sola le cartoline per la giornata dell’amore, ma scoprirà che tutti abbiamo bisogno di un aiuto.

C’è Contadina Faye, quando è coinvolto qualche animale, questo è il vagone che si occupa di loro. Andra a recuperare un capretto per la sua festa di compleanno, oppure riaccompagnerà un cucciolo di polpo che si era allontanato, dalla sua mamma e dal suo papà. Ed ancora accompagnerà un gruppo musicale i Maialini Superstar al festival con la loro ultima coreografia.

Abbiamo anche Il vagone Costruttore Brock e Meccanico Milo, il piccolo Flicker e il vagone soccorritore.

Insomma c’è di tutto a Binario City e le avventure sono le più fantasiose, non solo ma anche i treni hanno un modo tutto personale di affrontare scambi, inversione di direzione e deragliamenti.

Il trailer di Mighty Express

LE IMPRESSIONI DI ZIA ELENA

Mighty Express è, ancora una volta una serie animata per bambini di età prescolare, con intenti educativi. Dove direi che per educativo si debba intendere un educazione “emotiva” più che un educazione tecnologica.

Infatti questi simpatici trenini svolgono alcune manovre in modo del tutto fantasioso, cambi di direzione e cambi di binario eseguiti in modo a dir poco improbabile, seppur divertente.

Invece in ogni episodio si sottolinea sempre l’importanza di “fare squadra”, di saper chiedere aiuto e saper farsi aiutare.

Non è importante svolgere un compito per il riconoscimento e l’eventuale fama che ne deriva, ma è importante saper accettare di avere cose da imparare dall’altro.

Anche il piccolo Flicker, che si sente così piccolo e inadeguato saprà insegnare una cosa molto importante, che è bello poter aiutare gli amici, anche se è un aiuto che rimane nascosto può dare molta gioia.

La collaborazione è importante.

Così come è importante riconoscere all’altro i suoi meriti e le sue capacità senza inutili invidie.

Piacerà soprattutto ai bimbi maschi questa ambientazione nel mondo dei treni. Di solito i bambini di quest’età sono affascinati da camion, furgoni, treni grossi e rumorosi.

Più hanno luci e suoni ed attrezzi particolari più ne sono affascinati e la loro fantasia corre a briglia sciolta.

Nell’insieme Mighty Express è una serie semplice e gradevole per i più piccoli.

L’unico particolare che non mi spiego e che trovo fastidioso è che questi bambini, ma anche i treni, per esprimere la loro gioia e il loro entusiasmo devono sempre gridare od esprimersi sopra le righe.

0
Bello
75100
Pro
Contro
1 commento

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

Torna a inizio pagina