In lettura
La casa delle bambole di Gabby: storia, trailer e i consigli della zia Elena!

La casa delle bambole di Gabby: storia, trailer e i consigli della zia Elena!

la casa delle bambole
la casa delle bambole

La casa delle bambole di Gabby: non aver paura dei fallimenti

La casa delle bambole di Gabby è una nuova serie ibrida animata e live action in CG, in onda su Netflix dal 5 gennaio. È una miniserie di 10 episodi prodotta dalla DreamWorks Animation.

È una miniserie creata da: Traci Paige Johnson e Jennifer Twomey, note entrambe per aver già realizzate serie di animazione per le fasce prescolari.

In particolare Traci Paige Johnson nota per aver creato la serie televisiva prescolare Nick Jr., Blue’s Clues.

LA TRAMA

Cosa succede ne La casa delle bambole di Gabby?

Gabby è una ragazzina innamorata dei gatti, per cui oltre ad avere un gatto vero, ha anche un peluche preferito Paddy Panda che è ovviamente un gattino e una affascinante casa delle bambole abitata da una serie di personaggi fantasiosi tutti ovviamente felini.

Ogni oggetto della sua cameretta è ispirato ai gatti

Gabby ha anche una posta privata speciale per la casa delle bambole, che ogni giorno consegna una fantasiosa scatola che contiene un oggetto particolare sempre ispirato ai gatti.

Ancora Gabby possiede uno speciale cerchietto, con ovviamente piccole orecchie feline, che le permette di trasformarsi in un personaggio animato ed introdursi ne la casa delle bambole.

Qui ci sono sette stanze e personaggi fantasiosi: c’è una stanza degli hobby dove troviamo mamma scatola e baby scatola, i due personaggi si dedicano a costruire tanti piccoli oggetti con carta colla e forbici.

Abbiamo la stanza della musica dove si trova DJ Catnip, ovviamente qui troviamo strumenti e ci si diverte con la musica.

Nella cucina troviamo Pasticcino, qui si affrontano e si risolvono i problemi con la preparazione di dolcetti.

Troviamo poi Sirengatta, una strana fusione tra gatto e sirena che abita il bagno e si occupa di bellezze e relax.

Nella stanza dei giochi c’è Carlita, un auto con aspetto un po’ gattesco, la vasca delle palline e tanti giochi.

Nella camera da letto troviamo Cuscingatta, un cuscino animato e ovviamente con le forme di una gatta.

C’è anche un giardino un po’ fatato abitato dalla gatta fatina.

Infine c’è Birbagatto, un po’ il “pierino” della serie, che combina dispetti.

In queste stanze si aggira Gabby con il suo amico Paddy Panda,che nella magica casa delle bambole è animato anche lui.

Ogni volta ispirata da quello che riceve dalla posta della casa delle bambole, vive nuove avventure.

A volte si tratta di risolvere un fastidioso singhiozzo di Gabby, oppure di partecipare alla scuola tutta originale dei gatti. Come prendersi cura di piccoli animali, dei fantasiosi piccoli cricegatti! Oppure difendere la casa delle bambole dalle birbonate di Birbagatto.

Ognuno prova a risolvere le situazioni con le sue proposte, le sue invenzioni, a volte si sbaglia, ma dagli sbagli s’impara oppure si scoprono altre soluzioni.

TRAILER
LE IMPRESSIONI DI ZIA ELENA

La casa delle bambole di Gabby è una miniserie pensata sicuramente per bimbi molto piccoli, per bambini di età prescolare

Anche se è stato pensato per bimbi della prima infanzia, l’ho trovato un po’ troppo puerile.

È vero che i bambini non hanno ancora sovrastrutture e quindi la loro fantasia spazia molto più libera della nostra, ma questo non vuol dire che siano incapaci di una loro logica.

Ci sono comunque due punti interessanti.

Uno è quello di non scoraggiarsi se il tipo di risoluzione non funziona, molto spesso Gabby ripete: Non lo so…ancora! Stimolando quindi sempre a cercare di capire, di trovare una risposta o una soluzione.

L’altro è di affrontare i fallimenti o semplicemente gli errori in modo positivo.

“Ogni volta che ho commesso un errore ho imparato una cosa nuova”

Mi sembra importante insegnare fin da subito ai più piccoli, che sbagliare è il modo per imparare e progredire.

Evitando così il creare sensi di inadeguatezza o ansia per le troppo pressanti aspettative che purtroppo spesso i grandi creano.

VOTO: 6,5
LEGGI ANCHE
0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

Torna a inizio pagina