In lettura
Estinti… o quasi – Integrarsi o accettarsi?- Il telecomando della zia Elena!

Estinti… o quasi – Integrarsi o accettarsi?- Il telecomando della zia Elena!

Estinti...o quasi su Netflix

“Estinti… o quasi” si tratta di un nuovo film d’animazione del 2021 con la regia di David Silverman e la sceneggiatura di Joel Cohen, John Frink e Rob LaZebnik, disponibile su Netflix dal 24 novembre.

Anche in questo caso, come nel film “Sharkdog – Un Halloween molto squaloso”, abbiamo originali animali, in realtà mai esistiti, per raccontare problemi che riguardano gli umani.

La trama di “Estinti… o quasi”

Estinti...o quasi i due flummels Op ed Ed
Ed e Op i due Flummels impegnati a salvare il loro mondo.

Siamo nel 1835, anno in cui Darwin si trova in prossimità delle Galapagos, poco prima di formulare la sua teoria sulla evoluzione delle specie.
Su questa isola vivono degli strani animali, i Flummels , piccoli esseri pelosi dalla forma di una ciambella, con buco centrale compreso.

Op ed Ed sono i due protagonisti, sorella e fratello, pasticcioni e un po’ ai margini della loro comunità.

Ed cerca di comportarsi secondo le aspettative dei responsabili della comunità dei Flammels, mentre Op curiosa, precipitosa e un po’ sventata combina spesso guai in cui coinvolge anche il fratello in disastri di dimensioni enormi.

Intanto che cercano di porre rimedio ad uno di questi disastri, più clamoroso di altri, trovano uno strano enorme fiore che si rivela essere un wormhole attraverso cui precipitano.

Si trovano così in uno strano luogo, un terminale dove si trovano alcuni animali ultimi ed unici rappresentanti di razze estinte.

Qui scopriranno che la loro specie è destinata ad estinguersi e decidono di operarsi per cambiare gli eventi e salvare il loro mondo.

Con l’aiuto di un cagnolino di nome Clarance e degli altri animali estinti (Dottie il Dodo, Hoss il triceratopo, Alma il meridiungulato e Burnie la tigre della Tasmania) comincia un via vai nelle varie ere alla ricerca di una soluzione.

Cosa troveranno? Riusciranno a salvare i loro compagni Flummers?

Il trailer di “Estinti… o quasi”

Le impressioni di zia Elena

Estinti ...o quasi: Ed e Op insieme ai loro amici
Ed e Op insieme ai loro amici Estinguibili.

Il film è grazioso, con alcuni momenti divertenti.
La trama presenta però molti punti deboli e non è di immediata comprensione il succedersi degli eventi.

Mi domando che necessità ci sia di creare degli animali del tutto inesistenti e con un aspetto del tutto improbabile. E’ vero che la fantasia dei bambini non si pone questi problemi di plausibilità, ma lo trovo un espediente inutile.

Alcuni spunti interessanti ci sono, anche se, a mio parere, non riguardano tanto le problematiche delle specie in estinzione, ma piuttosto aspetti sull’autostima e l’accettazione.

Abbiamo infatti Ed che si sforza in tutti i modi di adeguarsi agli standard degli altri Flummels, perché vuole sentirsi accettato, vuole far parte della comunità.
Op, invece, è più libera, non sente il bisogno di essere uguale agli altri, ma, pur animata da ottimi intenti di essere di aiuto e di supporto al fratello, è impulsiva.
Spesso infatti agisce senza pensare e senza chiedere all’altro se è d’accordo.

Le cose che impareranno Op ed Ed è che cercare di essere diversi da quello che si è per compiacere gli altri, alla lunga non è una celta vincente.
L’altra cosa importante che scopriranno entrambi è che non si possono risolvere i problemi da soli, bisogna saper ascoltare gli altri e saper chiedere aiuto.

Dove vedere ” Estinti… o quasi”

Ecco il link per vedere “Estinti…o quasi” su Netflix.


La nostra recensione


Estinti... o quasi
0
Sufficiente
70100
Pro

Alcuni momenti sono molto divertenti e Op talvolta ricorda Dory del film Nemo, per la sua impulsività e loquacità.

A volte non voler abbandonare la propria confort zone può diventare una prigione.

Contro

Va bene la fantasia ed uscire dagli schemi, ma un minimo di plausibilità e coerenza ci vuole!

0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

Torna a inizio pagina