In lettura
FRANCA RAME
Scuro Chiaro

FRANCA RAME

Franca Rame

“LO STUPRO” – MONOLOGO DI FRANCA RAME: UNA VOCE PER LA VIOLENZA DI OGNI GIORNO

Franca Rame, la celeberrima attrice e politica italiana – moglie di Dario Fo, nasce vicino a Parabiago, in una famiglia che ha origini teatrali e che le apre le porte del mondo artistico sin da bambina.

Amata dal pubblico, non si riesce a dimenticare quella donna coraggiosa, talentuosa e determinata che ha raccontato storie e se stessa con una maestria da manuale.

Oggi, però, non voglio scrivere un articolo sulla sua biografia o su qualcosa di generico. No.
Voglio soffermarmi su quello che, a parere mio, sia uno dei suoi pezzi più intensi, forti, drammatici e che non si possono non conoscere.
“Lo stupro”, il monologo ispirato a fatti realmente accaduti.

Ogni parola, ogni sillaba, ogni lacrima nascosta in quei paragrafi racconta un episodio che si è realmente verificato, lasciando lo spettatore con un segno indelebile addosso.

Quello che vorrei sottolineare nel mio articolo è, oltre alla delicatezza – nonostante il momento crudo – delle parole, alla bravura di Franca nel trascrivere tutta la sofferenza che si è dovuta portare per così tanto tempo, oltre a tutto ciò… vorrei evidenziare quanto questi episodi, purtroppo, siano all’ordine del giorno.

Questo monologo racconta sì la storia di Franca, ma vuole a parer mio, dare anche la voce a chi non ha coraggio di parlare, a chi non riesce ad esprimere quello che ha dentro dopo un orrore simile.

La violenza è qualcosa che ancora popola il nostro mondo e sembra che non ci sia modo di porre fine a questi episodi tragici.

Ho lo sgomento addosso di chi sta per perdere il cervello, la voce… la parola. Dio che confusione. 

Questa frase mi ha sempre messo i brividi.
L’idea che qualcuno possa azzerare le nostre facoltà, che possa violentare la nostra persona in ogni senso, mi fa venire il voltastomaco.

Quello che voglio dire è questo: non è MAI colpa della vittima. Non è MAI colpa tua. Non sei TU da punire. Nè per come ti vesti, né per come ti poni, né per dove vai.

Forse ti potrebbe piacere anche…
Sono bravo con la lingua

Ancora oggi sentiamo troppe persone dare la colpa a chi subisce, piuttosto che a chi commette azioni del genere. Troppe volte si sente dire “Non ti saresti dovuta mettere quella gonna” o “Ti sei ubriacata, te la sei cercata.”

Penso che la gente sia fin troppo brava a parlare.
C’è una bellissima canzone di Lady Gaga che si chiama “Till it happens to you” ed ad un certo punto dice:

Finché non capita a te, non potrai mai capire che cosa sento addosso.

La colpa è del carnefice, mai della persona violentata.
Sogno un mondo che, prima o poi, lo capisca a pieno.

Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

© 2020 Dejavu. All Rights Reserved.

Torna a inizio pagina