In lettura
CHRISTIAN GASTON ILLAN : “I sogni possono essere realtà”. L’imprenditore di successo si racconta.
Scuro Chiaro

CHRISTIAN GASTON ILLAN : “I sogni possono essere realtà”. L’imprenditore di successo si racconta.

Christian Gaston Illan

La vita è come afferrare sabbia con le mani. La puoi stringere forte ma alla fine scivola. Devi quindi viverla ogni giorno al massimo.

Christian Gaston Illan

Christian Gaston Illan è stato tra gli illustri ospiti di un red carpet che resterà nella storia ovvero quello che è andato in scena per la chiusura della Milano Fashion Week donna 2023.
L’occasione è la proiezione di «Milano: The Inside Story of Italian Fashion», il docu-film sulla moda italiana diretto da John Maggio, scritto e prodotto da Alain Friedman.
Giorgio Armani seduto in prima fila è il protagonista assoluto della pellicola che racconta cinquant’anni di moda italiana così potenti e caotici.
E poi l’altro lato della medaglia, quello passionale di Gianni Versace, il «creatore» del fenomeno delle top model. Fino al dramma della sua morte.
E Gucci degli anni Novanta raccontati da Tom Ford e Domenico De Sole. E naturalmente Missoni, Valentino, Prada.
A far capire che cosa trasmette il Made in Italy sono le star di Hollywood: Sharon Stone, Lauren Hutton e Frances McDormand, Helen Mirren e Samuel L. Jackson.

Persino Giorgio Armani sul tappeto rosso.

Christian Gaston Illan
Christian Gaston Illan con Giorgio Armani

E poi Santo Versace, Eva Herzigova, Marisa Berenson e, come abbiamo anticipato, l’ospite d’eccezione, l’imprenditore Christian Gaston Illan ospite alla prima racconta: “L’emozione e la forza che trasmette il film in ogni attimo, ci fanno capire quanta intensità e passione ci vogliono in ogni processo creativo di successo. Un tributo dovuto alla città della moda che è sempre più faro di stile e imprenditoria agli occhi del mondo.

Conosciamo meglio Christian Gaston Illan

Christian Gaston Illan è un imprenditore di successo, appassionato di sociologia, opinionista calcistico televisivo e soprattutto founder del social network iLoby e CEO del progetto di networking Smart Villag[g]e Cloud.
Nel 2020 pubblica il libro “Il Poncho Dei Papi”, un racconto nato da una terra lontana che ha portato un giovane, una famiglia e la tradizione di un popolo attraverso la pampa argentina fino al Vaticano.

Quante volte ci siamo sentiti dire che i nostri sogni erano troppo grandi? Che non potevamo arrivare. Ebbene una testimonianza di perseveranza e coraggio di quando si crede fino in fondo ad un percorso. Quando l’amore per il proprio paese e la forza dei sogni superano gli ostacoli più imprevedibili. Un viaggio fra i colori di un paese caratterizzato da tanti volti ognuno con i propri desideri e tradizioni capaci di trasportarci per miglia e miglia alla scoperta che nulla è impossibile se si ha la forza di perseguirlo.

Quattro chiacchiere con Christian Gaston Illad

Non posso non iniziare la nostra chiaccherata se non con una frase che ti rappresenta al 100% ovvero ” Se vuoi, puoi!”.
Wow sì! Tempo fa insieme a due cari amici ho creato una start-up chiamata iLoby e credo che parte del suo successo sia legato alla frase “Insieme siamo più forti” e se a questo ci unisci il credere in quello che fai… al risultato si arriva.
Secondo me il punto più importante che pochi vedono in questi ultimi tempi è che bisogna fallire per arrivare al successo e provare, provare continuamente.

Un altro dei tuoi “mantra” è “sognare in grande”, è sicuramente un grande input per i giovani imprenditori e anche artisti…
Io credo che in queste tre parole sia racchiuso tutto il concetto, ovvero la necessità di avere creatività che tradurrei con “creati vita”.
Spesso si pensa che non ci siano più idee nuove, che servano solo molti soldi da investire nel marketing.
Io credo che un idea per essere vincente deve avere una buona comunicazione ma alla base ci deve essere un ottimo pensiero creativo per andare oltre.

Tu hai lanciato due grandi start up, iLoby come ci hai già accennato e Smart Villag[g]e Cloud. Quale è stato il motore che ti ha indotto a partire e credere in questi due splendidi progetti?
Per quanto riguarda iLoby vedevo quello che oggi sta accadendo ovvero che siamo sempre meno a contatto con la realtà.
Io ho un grande animo da P.R e molte persone mi chiedevano di organizzare uscite, eventi tra persone che avessero tra loro quel trait d’union energetico positivo che col tempo si può trasformare in una vera amicizia.
Così con l’idea del bracciale, dove c’era il numero con cui ti registravi sulla piattaforma e potevi inserire così informazioni sui tuoi social, precorrevo l’idea di verificato che oggi è data famoso “pallino blu”.
Questa sorta di certificazione dava adito a garantire che chi fosse in questo gruppo avesse delle amicizie in comune.
L’idea poi si è fatta molto più grande, non era facile gestirla, è arrivata la pandemia e iLoby è rimasta come una sorta di organizzazione di eventi con brand di lusso come Mclaren Milano, Bentley Milano, Jack Daniel… e credimi non me lo sarei mai immaginato di arrivare a tanto da una frase e un numero di un bracciale!

Forse ti potrebbe piacere anche…
Giovanni Segreti bruno

Ora sei un opinionista calcistico e sei stato ospite ad un evento super speciale come la proiezione di «Milano: The Inside Story of Italian Fashion». Qual è quindi il tuo rapporto con il mondo della moda e quello del calcio?
Patendo dalle mie radici, da quando sono nato c’era quell’idolo di Diego Armando Maradona, genio non solo del mondo del calcio ma anche dello spettacolo perché lo definirei un vero showman a 180 gradi.
Da qui nasce la mia passione per il calcio, io nasco tifoso del Boca Junior in Argentina e poi arrivo in Italia con mia mamma e qui mi il primo club con cui mi sento identificato è il Milan.

Christian Gaston Illan ospite allaPremier di «Milano: The Inside Story of Italian Fashion»
Christian Gaston Illan ospite alla Premier di «Milano: The Inside Story of Italian Fashion»

Anche per la moda la mia passione nasce in Argentina dove all’università si parlava moltissimo di questa “moda italiana”… io sono un fan numero uno di questo vostro Paese che in ogni angolo ha storia e bellezza di cui i grandi stilisti ne fanno parte.
Sono stato ospitato da Campari a questa Premier dedicata alla storia della moda e devo dire che è stato uno degli eventi più belli della mia vita per l’energia che c’era.
Giorgio Armani era in sala e quello che traspariva era la voglia e la passione per il suo lavoro, per l’eccellenza.

Cosa c’è nel presente di Christian Gaston?
Sto lavorando a nuovi progetti e vorrei far rivivere l’idea di iLoby, sto lavorando con tanti partner ed è un momento molto bello di grande creatività.
Sto collaborando anche con un carissimo amico, l’editore della rivista Beesness Magazine, e ho il ruolo di Sales Manager e sto curando l’immagine di molti personaggi.
Voglio creare qualcosa che lasci un mio segno, ce la metterò tutta.
Credo nella fortuna ma in percentuale minima, penso debba trovarti nel momento giusto che arriva solo lavorando.

In base alla tua esperienza, se dovessi lasciare tre consigli ai giovani che vogliono tramontare la loro passione in lavoro di successo cosa diresti?
Tre cose: perseveranza, crederci sempre e tanta fede in se stessi così da creare un impronta positiva in se stessi.
Non lasciarsi mai buttar giù in questo mondo non facile mantenendo le vibrazioni alte trovandosi con persone che ti diano del bene e che ti aiutino ad andare avanti allontanando le negatività.

Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
1
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

© 2020 Dejavu. All Rights Reserved.

Torna a inizio pagina