In lettura
Ghemon porta il buonumore a Sanremo 2021 con “Momento perfetto”!

Ghemon porta il buonumore a Sanremo 2021 con “Momento perfetto”!

Ghemon foto per Sanremo 2021

Sempre meno i giorni che ci dividono dall’inizio del Festival di Sanremo 2021, e Ghemon ci racconta “Momento Perfetto”, il brano con cui sarà in gara tra i Big del Festival della canzone italiana. Uscirà il 19 marzo il secondo album dell’artista degli ultimi 12 mesi, un album che racconta la gioia e i festeggiamenti dal titolo “E vissero feriti e contenti”.

Il significato di Momento perfetto

In Momento Perfetto si sente una forte tridimensionalità data dai fiati, tra cui figura Philippe Lassiter (che ha contribuito, tra gli altri, ai fiati di Prince).

Il brano è nato nel modo più spontaneo possibile. La cosa nata prima è stata il ritornello, ho di sicuro ancora le note vocali! Il pezzo è venuto fuori così e a Sanremo non ci pensavo, come è stato per Rose Viola. Se avessi dovuto pensare a un pezzo per il Festival e crearlo di conseguenza, sicuramente sarei andato al Festival del 2025!

Quattro chiacchiere con Ghemon

Sanremo è anche la gente, e senza questo manca qualcosa. Ma posso dire che in altre fasi della mia carriera ho già cantato senza un pubblico davanti, mi sono già fatto le ossa: l’emozione e la gioia di salire su quel palco, sarà comunque grande.

Come sei arrivato al titolo “E vissero feriti e contenti”, così simbolico in questo periodo?

Ero sul ballatoio di un palazzo e stavo guardando il ballatoio di fronte, in una casa di ringhiera. È arrivato di getto questo titolo, senza che lo cercassi. Credevo riassumesse me e quello che tutti stavano vivendo. In questo disco volevo la musica del festeggiamento, della liberazione, non della tristezza dei giorni che abbiamo vissuto. Perciò nel titolo ho messo entrambi i concetti, quello che siamo stati e quello che vogliamo essere.

A Sanremo ci saranno tanti ospiti atleti, c’è uno sportivo che stimi?

In passato Vialli, è stato un mio grande mito. Ad oggi ce ne sono tanti, ma dico Mourinho.

Sono stati svelati i duetti e le cover della terza serata del Festival. Perché hai scelto i Neri per caso per la serata dei deutti?

Perché li ho sempre trovati eccezionali. Mi hanno sempre messo buonumore, e io spero che la mia canzone di Sanremo faccia lo stesso. Li ho scelti per il piacere di far capire come la musica italiana è malleabile e può diventare anche per sette voci.

Momento perfetto è stato definito esistenzialista: sei d’accordo con questa definizione?

Sì, direi anche realista e ottimista.

Chi tra le Nuove Proposte ti ha colpito di più?

Ghemon, un giovane emergente tra i Big! A parte gli scherzi, sono tutti miei amici, è molto difficile. Il livello medio delle Nuove Proposte quest’anno è molto alto!

E vissero feriti e contenti” è l’album in uscita il 19 marzo

Ghemon cover E vissero feriti e contenti
Ghemon nella foto cover di E vissero feriti e contenti

Nel nuovo album “E vissero feriti e contenti” in uscita il 19 marzo Ghemon spazia tra tanti generi diversi senza lasciare indietro il rap e il reggae. È il secondo album pubblicato da Ghemon in 12 mesi, e riflette la viva fase creativa che sta attraversando l’artista.

Sulla copertina Ghemon ha i suoi ricci naturali ed è accompagnato da un gatto: un simbolo capace di significare un sacco di cose. È un gatto buono, in posizione rampante e pronto a scattare, come si sente l’autore; inoltre è il settimo album del cantante, sette come le vite dei gatti.

In “E vissero feriti e contenti” guardo attorno a me e capisco che “si prendono delle botte, si danno delle botte e si tiene botta”. Metto una cifra di me stesso che finora non avevo dimostrato: la parte divertita, ironica, che guarda alla vita con il sorriso.

Nel nuovo disco, nell’anno delle grandi solitudini, ho fatto un disco di gruppo.. rispettando le restrizioni! È il disco in cui di più ho lavorato di squadra, in cui si è creato uno spirito di gruppo felice che mai c’era stato nei dischi precedenti.

1 commento

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

Torna a inizio pagina