In lettura
EMMA PESCIO: “Un amore sbagliato per il suo esordio”. Il primo singolo “Era l’inferno”. Intervista esclusiva.

EMMA PESCIO: “Un amore sbagliato per il suo esordio”. Il primo singolo “Era l’inferno”. Intervista esclusiva.

Cover EMMA PESCIO Era l'inferno

E’ un brano che descrive un amore non bilanciato, rappresenta una relazione quasi tossica.

Emma Pescio

Esordio discografico per la cantautrice ligure Emma Pescio, con il primo singolo “Era l’inferno”, brano prodotto da Gianni Testa per Joseba Publishing, che porta la firma anche di Giacomo EVA. 

L’artista è stata “scoperta” dallo stesso Testa durante “Fuoriclasse Talent”, contest organizzato dall’impresario romano Ivano Trau e da Catiuscia Siddi. Il videoclip, online dal 29 Gennaio, è diretto da Mario Suarato.

Di cosa parla “Era l’inferno”

La canzone parla di una storia complicata tra una ragazza ed un ragazzo, un lasciarsi e ricominciare tutto da capo, come la prima volta, ma il rapporto non funziona mai realmente. Lui non vuole fare il primo passo per un nuovo vero inizio.

Conosciamo meglio Emma Pescio

Emma Pescio, in arte Mema nasce a Vado Ligure il 30/03/2003.
Fin da piccola si appassiona fortemente alla musica ed al canto. Frequenta per un paio di anni la scuola di canto “VocalCare” di Danila Satragno, vocal coach dei Maneskin, Giuliano Sangiorgi, Biagio Antonacci, ecc.
Incomincia piano piano ed esibirsi nei locali savonesi in compagnia del cantautore Fulvio Semenza, distinguendosi grazie alla sua vocalità, la sua eleganza e il suo outfit.
Nell’ottobre del 2019 viene notata dal promoter Agostino Poggio che dopo averla testata in alcune serate, due fra tutte, una con Roberto Rossi della Sony ed un’ospitata in un noto locale Astigiano prima del dj set di Angelo.
Negli ultimi mesi confeziona un EP compreso di videoclip grazie al supporto dell’etichetta stessa, dell’autore Giacomo Eva e di tutto lo staff Joseba. Nell’estate 2021 partecipa al “Summer Day Music Festival” di Fondi assieme ad altri 21 cantanti selezionati in tutta Italia, riscuotendo un buon successo. Qui viene ascoltata da nomi di grande importanza, quali il giornalista musicale Massimo Cotto e la cantante Anna Tatangelo, ospite della manifestazione. Nello stesso anno Mema è protagonista a “Fuoriclasse Talent 2021”. Arriva alle semifinali e viene ascoltata da una giuria di esperti, uno fra tutti, Dario Salvatori critico musicale storico della Rai.

Quattro chiacchiere con Emma Pescio

Come nasce il tuo nome d’arte?
In maniera molto semplice è l’anagramma del mio nome.

Era l’inferno” è il tuo primo singolo e si parla s’amore, ma di un amore non sano…
Si ho voluto parlare di me in questo brano, di un amore che non funzionava davvero e che ad un certo punto è diventato davvero tossico.

Cover EMMA PESCIO Era l'inferno
Cover Emma Pescio “Era l’inferno”

Tu partecipi a “Fuoriclasse Talent” e li vieni scoperta. Raccontaci di questa tua esperienza.
E’ stata un esperienza bellissima, sono salita sul palco è ho dato il meglio di me e da li mi ha sentito Gianni Testa e così e iniziato il mio percorso musicale.

Come arriva “Eri l’inferno” nelle tue mani o meglio nelle tue corde vocali?
Questo brano è mio, volevo che mi rappresentasse anche se sono agli esordi.

Quando hai capito che nella tua vita ci sarebbe stata anche la musica?
Io mi sono appassionata alla musica e mi sono accorta che ne avevo proprio bisogno a 9 anni quando ho iniziato a fare dei piccoli concerti con delle mie amiche. Da qui ho iniziato a studiare seriamente, a fare dei Constest…

Sei partita subito dagli inedito o dal mondo delle cover?
Dalle cover e poi andando avanti ho deciso di lavorare su un mio pezzo.

Leggo di te che ti sei distinta nelle diverse esperienze di Talent e concorsi non solo per la voce ma anche per il tuo out fit. Raccontaci.
Ogni tanto esco con dei look un po’ particolari. Mi ritengo elegante senza essere mai volgare.
Questi outfit li studio io insieme a mia mamma e mia sorella.

Ora stai lavorando a un Ep e come tutti gli artisti hai voglia di tornare al live. Quando pensi sarà pronto?
Io spero in primavera ma ancora non si sa.

Siamo reduci da un grande Festival di Sanremo. Chi ti è piaciuto di più e in chi ti sei ritrovata maggiormente?
Sono stati tutti bravissimi ma la mia scelta va più su Irama sia per il testo che per l’armonizzazione della canzone.

Lo immagini un Sanremo Giovani e/o un talent nel tuo futuro?
Spero proprio di si per entrambe.

Il video di “Era l’inferno” di Emma Pescio.

0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

Torna a inizio pagina