In lettura
BECA e il suo nuovo singolo “Shelley” tra ricordi, poesia e amicizia. Intervista esclusiva. 

BECA e il suo nuovo singolo “Shelley” tra ricordi, poesia e amicizia. Intervista esclusiva. 

Beca

Sono un bravo ragazzo che beve gin tonic, sogna musica e veste vintage.

Beca

SHELLEY è il secondo brano di BECA, fuori per l’etichetta LA RUE MUSIC RECORDS. Il pezzo è prettamente autobiografico, Beca infatti, racconta la sua adolescenza, passata nel bar dove è cresciuto, il bar Shelley, posizionato di fronte all’omonima piazza che prende il nome dal poeta romantico naufragato sulle spiagge di Viareggio.

Il significato di “Shelley”

I legami dell’amicizia e un grande poeta come Shelley come nume tutelare indicano una scelta tematica per questo secondo singolo di Beca che conferma la personalità interessante e sfaccettata del giovanissimo artista toscano. 

Beca
“SHELLEY racconta l’adolescenza di tanti ragazzi come me cresciuti all’ombra di una statua.”

Nella prima parte del brano, BECA intrattiene un dialogo con la statua di Shelley, come se fosse un amico con il quale è cresciuto. Il pezzo, sebbene presenti sonorità allegre ed estive, risulta molto più profondo di quanto si possa evincere da un primo ascolto; BECA, infatti racconta degli amori delle amicizie e anche delle situazioni difficili che comporta la crescita, soprattutto in fase adolescenziale.

Conosciamo meglio Beca

BECA, all’anagrafe EDOARDO BECATTINI, classe’98, è un cantautore italiano e artista poliedrico dalle sonorità indie a cui piace guardare oltreoceano per le melodie e gli arrangiamenti sempre all’avanguardia. La “penna” invece, è decisamente tipica del contemporaneo cantautorato italiano; i suoi testi sono caratterizzati da profondità e immediatezza.

BECA è appassionato di musica sin da piccolo, grazie alle influenze del padre che lo avvicina sia al mondo del rock sia al cantautorato Italiano. A 11 anni inizia a suonare la chitarra, prima classica poi elettrica per avvicinarsi infine al canto qualche anno dopo. Inizia a scrivere testi rap e con i suoi primi pezzi nel 2019 si esibisce alla Notte dei Desideri. 
Negli anni le melodie si fanno più articolate, i testi ricercati e affina la voce al punto che il solo rap inizia a stargli stretto. 

Quattro chiacchiere con Beca.

Ciao Beca, ci racconti un po’ di più di te?
In realtà non c’è molto da dire sono al 100% quello che racconto nei miei pezzi. Sono un ragazzo che canta e suona la chitarra, a cui piace uscire a bere, fare esperienze e poi raccontarle nei miei pezzi. Sono una persona molto socievole e che vive molto impulsivamente, per questo non è raro che sbagli a volte. Gli errori però aiutano a crescere e sono anche molto più accattivanti da raccontare.

Quali sono le tue influenze musicali?
Il genere che mi influenza di più è sicuramente il cantautorato, infatti il mio obiettivo è di seguire questo filone, riportandolo con sonorità attuali e più riconoscibili alle orecchie degli ascoltatori della mia età. Anche il rock fa la sua parte, l’ho sempre ascoltato e quindi inevitabilmente influenza anche i miei pezzi, c’è sempre spazio per una chitarra un po’ più saturata e una batteria più aggressiva.

Come nasce “Shelley”, tuo nuovo video e singolo?
Il pezzo è prettamente autobiografico, racconto delle esperienze che hanno segnato la mia adolescenza. Il brano infatti è dedicato al bar dove passo le mie serate ormai da 7 anni. Qui ho fatto amicizie, ho avuto delle storie, ho litigato, insomma tutte le varie turbolenze che segnano la vita di un adolescente, e che poi lo rendono uomo. Possiamo dire che mi sentivo in debito con questo luogo e avevo bisogno di sdebitarmi scrivendo un pezzo che ne parlasse e che lo ringraziasse per tutto ciò che mi ha permesso di vivere.

La cover di Shelley di Beca
La cover di “Shelley” di Beca.

Ti piace la scena musicale toscana?
La Toscana ha una grande tradizione di gruppi rock alternativi, ce ne sono alcuni che ascolto volentieri e che mi hanno anche influenzato, basti pensare a Litfiba, gli Zen Circus, I Negrita.

Che progetti hai per i prossimi mesi? 
Alcuni pezzi sono pronti, altri sono in produzione adesso, bisogna solo capire quando e come farli uscire, una delle soluzioni più probabili e che presumibilmente verrà portata a termine è quella di un EP questo autunno, ma oltre a questo c’è molto altro da farvi sentire.

Il video di “Shelley” di Beca

Il video cerca di trasmettere quanto sia importante avere accanto degli amici fidati, sia nelle scene girate nel centro di Viareggio insieme al chitarrista JACO CINQUO, sia nelle scene all’interno del bar circondato dai clienti abituali.

0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

Torna a inizio pagina