In lettura
ALESSIO ALBA: se la vita ha un senso è quello dell’umorismo! Il nuovo singolo “Ah ha”. Intervista esclusiva.

ALESSIO ALBA: se la vita ha un senso è quello dell’umorismo! Il nuovo singolo “Ah ha”. Intervista esclusiva.

Alessio Alba

Ho comunque cercato di non scrivere un testo che parli solo del mio rapporto complicato con le ragazze al primo appuntamento (anche perché non basterebbe un 33 giri). Volevo che fosse qualcosa di più trasversale per regalare una risposta universale a chi non sa cosa dire, attraverso l’uso di un’esclamazione – Ah ha – cioè il nulla (che spesso è meglio!).

Alessio Alba

 

Cover di "Ah ha" di Alessio Alba
Cover di “Ah ha”.


Ah ha” è il singolo e videoclip d’esordio di Alessio Alba, un invito a non prendersi troppo sul serio. Disponibile in radio per Noise Symphony Music, il brano è prodotto da Andy Milesi e finalizzato da Francesco Tosoni

Ah-ha parla della difficoltà e dell’ineffabilità del parlare dovuti all’imbarazzo dei primi incontri (nel caso di Alessio i primi appuntamenti con le ragazze). Le strofe rappresentano quei momenti in cui non si sa cosa dire, finché non ci si rende conto che parlare non serve.
Ed è per questo che il ritornello è senza parole, perché spesso le parole non servono.

La canzone, caratterizzata da un ritornello che utilizza il synth vocale come sostituto alle parole per spiazzare e divertire chi lo ascolta, prende spunto dal pop anni 80 di “Footloose” di Kenny Loggins, e da “Take on me” degli A-ha per il ritmo e la batteria; da “Oh Superman” di Laurie Anderson per la sillaba Ah usata come base ritmica del pezzo.

Alessio ha voluto sperimentare un mood più allegro perché crede fortemente nel potere della musica di risollevare il morale, specialmente in questo periodo. Ed è per questo che cerca sempre di trovare un punto di vista ottimista, uno spiraglio di luce in fondo, anche nelle canzoni con temi più tristi.  

L’intervista a Alessio Alba

Ma tu Alessio ti prendi sul serio?
Io credo di no! Il mio motto è: “Se la vita ha un senso… è il senso dell’umorismo“. Cerco di non prendere mai troppo sul serio niente anche perché non penso si trovi mai una soluzione in un problema affrontato problematicamente!

Tu hai un espressività pazzesca che si rileva anche nel video di “Ah ha”. Hai mai pensato di fare anche il comico?
Io ho studiato recitazione e mi è servito per imparare a usare il corpo come strumento di comunicazione ma… la faccia di gomma è innata!!
Insegno teatro pedagogico ai bambini e agli adolescenti e vedo che è davvero utile per esprimersi.

Nella tua carriera arriva prima il teatro o la musica?
Arriva prima il teatro nella carriera, ma nella vita la musica, che è stato il mio primo amore ,trattenuto dalla mia timidezza. Quando l’ho un po’ superata, dopo il primo live, ho capito che non avrei mai potuto fare a meno della musica.

Tu sei un po’ “ironicamente timido”?
Io sono come un trucco dei maghi che si chiama “misdirection”, che consiste nel far concentrare l’attenzione del pubblico da un’altra parte mentre stanno facendo il loro numero di magia. Molti artisti fanno così: si nascondo in bella vista.

Alessio Alba
Alessio Alba.

Questo tuo brano ci parla un po’ di te, dei tuoi primi appuntamenti che insomma… ti hanno lasciato un po’ senza parole.
Esatto e quello il problema! Io però scrivo sempre di cose che ho già superato, non credo di essere in grado di analizzare a mente lucida situazioni che sto vivendo.
Questo infatti è un problema che quando ho scritto il brano avevo già superato essendo ora in una relazione stabile.

Il tuo brano fa anche pensare che a volte è meglio un sano silenzio, non sempre è necessario trovare le parole.
Alle volte cerchiamo di riempire il vuoto pneumatico dato dalle parole che non ci sono con parole che non servono.
La cosa bella di una relazione stabile che sia d’amore, d’amicizia o rapporti di lavoro è trovarsi con qualcuno senza dirsi niente e senza la necessità di parlare e dirsi cose inutili.

Un’altra cosa bella che hai fatto con questo brano è regalarci un’iniezione di allegria e positività… senza toccare l’argomento Pandemia!
Si è stato anche per me un modo di voler decomprimere e togliere questa pesantezza che si è costruita attorno a tutti noi.
Non siamo ancora fuori dalla pandemia quindi forse è meglio trovare un modo alternativo, una musica leggerissima come dicono Colapesce e di Martino!

Un Sanremo giovani, un talent ci hai mai pensato?
Io non sono contro a nessuna di queste opportunità, perché credo siano tutte esperienze per crescere. Mi farebbe davvero tanto piacere partecipare a un Sanremo giovani perché sarebbe una grande opportunità per conoscere questo mondo un po’ più da vicino; i talent li apprezzo e li guardo e quindi anche questo sarebbe un acceleratore, non tanto di successo perché non mi interessa tantissimo il grandissimo pubblico tutto insieme perché probabilmente non sarei in grado di gestirlo, ma di conoscenza di me stesso.

Cosa dobbiamo aspettarci dai tuoi prossimi lavori?
Nuovi singoli a cui sto lavorando con il mio produttore Andy Milesi, stiamo mettendo mano alle prossime uscite.

Il video di “Ah ha”.

Il video che accompagna “Ah ha”, in cui il protagonista è lo stesso Alessio come un Mr. Potato di Toy Story, è un invito a non prendersi troppo sul serio. Un gioco di forme e colori che si lega al mood del brano, ritmato e spensierato, una decostruzione, come un puzzle per bambini o un mosaico, per spiazzare e divertire.

0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

Torna a inizio pagina