In lettura
SMALOXS: “Con la mia musica voglio aiutare e emozionare i giovani come me”. Il suo nuovo singolo “Pareti”. Intervista esclusiva. 
Scuro Chiaro

SMALOXS: “Con la mia musica voglio aiutare e emozionare i giovani come me”. Il suo nuovo singolo “Pareti”. Intervista esclusiva. 

Smaloxs, cantautore italiano

Le delusioni ci fanno crescere e ci portano a migliorare’’.

Smaloxs

Pietro Esposito (in arte Smaloxs), talento della nuova scena musicale italiana torna al suo pubblico con il nuovo singolo “Pareti”.

Il Brano

Il brano, prodotto da H.O.M Production di Pietro Esposito, racconta di una relazione giunta al termine, i ricordi di un sentimento vissuto intensamente. Grazie al suono del pianoforte, Smaloxs ci conduce nel suo mondo, fatto di speranza e voglia di farsi ascoltare. 

La copertina di "Pareti" il nuovo singolo di "Smaloxs"
La copertina di “Pareti”


‘’In Pareti si trovano tante parti di me – spiega – all’inizio si percepisce come l’amore colpisca la parte più intima e profonda. E’ un brano anche per incoraggiare i miei coetanei a non mollare, ma di mettere tutto se stessi per far uscire il meglio di se.

Conosciamo meglio le “Smaloxs”

“Smaloxs” è il nome d’arte di Pietro Esposito, nato a Mosca (Russia) il 26 gennaio 2006. Arriva in Italia a 3 anni e si appassiona alla musica, in particolare alla batteria, di cui ora è insegnante, e al pianoforte.

Smaloxs, giovane cantautore e produttore italiano.
Smaloxs in studio.


A 13 anni si avvicina al mondo della produzione musicale e nel 2021 esce il suo primo brano ‘’Insieme a te’’, prodotto e arrangiato da lui. Dopo una serie di pubblicazioni, Smaloxs decide di prendersi del tempo per sperimentare. A distanza di anni arriva ‘Pareti’, il brano che segna il suo ritorno sulla scena musicale e lo proietta verso nuove sonorità. Un brano che arriva dritto al cuore e che rappresenta la sua rinascita artistica.

Quattro chiacchiere con Smaloxs

Partiamo subito parlando del titolo di questo tuo nuovo singolo. Queste “Pareti” di cui parli sono muri che hai alzato o finalmente abbattuto?
Sono un po’ entrambe le cose. Le “Pareti” di cui parlo sono sopratutto quelle mentali che ci costruiamo e possono essere viste sotto tanti aspetti. Possono essere viste come segni di una vittoria già ottenuta o un mezzo per poi arrivarci.

Tu scrivi questo brano anche con l’intento di incoraggiare, motivare i giovani come te, cha a volte perdono la strada…
La mia musica ha sempre questa finalità, vorrei che aiutasse a far trovare una strada anche quando apparentemente sembra non esserci.
Sono molto giovane e quindi credo che far arrivare il messaggio che se da alcune cose come delusioni d’amore, amicizie finite male, ci sono uscito io possono uscirci anche altri giovani come me.

In questo brano parli anche molto di te. Quando è anche per te un’arma potente per ricominciare, magari dopo momenti difficili, la musica?
È essenziale. Senza di lei non potrei fare nulla. Ogni artista ha il suo modo di sfogarsi e la musica è fondamentale per me.
A volte tira fuori anche ricordi non facili, ma poi mi aiuta a superare anche i momenti bui.
In questo brano in particolare c’è tantissimo della mia personalità e del mio vissuto.

Forse ti potrebbe piacere anche…
Graziano Galatone, Giò Di Tonno, Vittorio Matteucci
Smaloxs, cantautore italiano
Smaloxs

Sei giovanissimo hai solo 18 anni. Hai già un vissuto e hai superato già tanti ostacoli che ti possono aver fatto maturare questo pensiero, ovvero che la musica aiuta a farci rinascere?
Direi di sì. Ci sono tante cose che ci fanno maturare.
Le delusioni nell’amicizia e nell’amore non mancano mai sopratutto nel mondo dei giovani.
Spesso incontri anche persone che sembrano essere in un modo e poi sono assolutamente il contrario e questo ti ferisce.
Spesso nei sentimenti superficiali e, soprattutto, il messaggio che io voglio dare è quello di essere sempre se stessi che piaccia o meno.

La musica entra nella tua vita dallo studio di uno strumento, poi aggiungi anche la scrittura e poi il cantautorato. Come è stato questo percorso?
Io ho iniziato a studiare batteria da piccolissimo avevo 5/6 anni e la studio ancora oggi. Da questa passione per lo strumento mi sono poi avvicinato al mondo della produzione musicale perché mi ha sempre affascinato il lato tecnologico e lo scoprire cosa c’era dietro ad una canzone.
Tre anni fa poi ho iniziato a scrivere canzoni mie, producevo altri artisti ma ho sentito il bisogno di farlo anche per me.

Un Talent o un Sanremo Giovani o entrambe?
Io sono molto per entrambe. MI piace l’idea di far arrivare la mia muscia a più persone possibili e quindi trovo che entrambe le situazioni siano delle ottime opportunità.

Stai già lavorando a qualcosa di nuovo?
Si certo ho già qualche progetto in dirittura di arrivo a brevissimo.

Il Video

Qual è la tua reazione?
Excited
0
Happy
0
In Love
2
Not Sure
0
Silly
0
0 Commenti

Rispondi

La tua mail non sarà resa pubblica.

© 2020 Dejavu. All Rights Reserved.

Torna a inizio pagina